19 Febbraio 2020

Dalle turbine alle batterie: l’impatto coronavirus sulle rinnovabili

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Di Katherine Dunn – Quando si tratta di energia, il coronavirus non fa discriminazioni. Si prevede che le restrizioni imposte ai viaggi e agli orari di lavoro in seguito all’espansione del virus causeranno danni profondi alla domanda cinese di petrolio quest’anno, ridisegnando l’equilibrio domanda-offerta e probabilmente annullando l’influenza rialzista dei tagli dell’OPEC e le principali interruzioni dell’offerta, in mercati come la Libia. Ma a causa della posizione della Cina in quanto potenza produttiva e di consumo, non solo per il petrolio ma per le energie rinnovabili, la ricaduta del virus si estenderà ben oltre i combustibili fossili.

Le interruzioni delle catene di approvvigionamento dovute al coronavirus dovrebbero ora aggravare la situazione di una supply chain già risicata, per quanto riguarda la produzione di turbine eoliche, e potenzialmente frenare anche la rapida crescita del mercato delle batterie.

Turbine eoliche

I ritardi nella produzione a causa dell’epidemia di coronavirus potrebbero dimezzare il numero di installazioni di turbine eoliche che verranno effettuate in Cina quest’anno, secondo la società di consulenza energetica Wood Mackenzie.

“A causa di una fornitura già risicata di componenti chiave, come le pale delle turbine e altri pezzi principali, prima dello scoppio del Covid-19, i ritardi nella produzione del primo trimestre hanno già ridotto la produzione annua di tali componenti di circa il 10%”, ha affermato il consulente senior in Cina di Wood Mackenzie, Xiaoyang Li.

La Cina ha la più grande capacità di energia eolica al mondo, secondo il Global Wind Energy Council. Nel 2018, la Cina e il Nord America costituivano insieme circa il 50% della capacità totale installata in tutto il mondo, afferma il Consiglio.

Se l’epidemia sarà sotto controllo nei prossimi mesi, e se si eviteranno colli di bottiglia nella fornitura di parti per turbine eoliche, come i generatori, il mercato dovrebbe essere in grado di riprendersi, dice Li. Ma se il virus continua a dilagare almeno fino alla metà dell’anno, l’esperto prevede che la nuova capacità stimata per il 2020 potrebbe ridursi fino alla metà.

L’impatto non si farà sentire solo a livello nazionale. Anche le installazioni di turbine eoliche negli Stati Uniti potrebbero essere bloccate: ci si aspetta che il virus metta a dura prova la supply chain delle parti chiave prodotte in Cina, che erano già scarse prima dell’epidemia, mettendo a rischio i 6 Gigawatt di capacità eolica programmati per quest’anno, dice Wood Mackenzie.

Batterie
Non solo le turbine eoliche. La scorsa settimana, la società di consulenza ha avvertito che il virus aveva già ridotto la produzione di batterie del 10% nel 2020, rispetto alle previsioni di produzione pre coronavirus. Secondo la società, la produzione nella provincia di Hubei – dove ha origine il virus – e le province circostanti sono responsabili di oltre il 60% della produzione totale di batterie del paese. Ciò significa che l’interruzione potrebbe anche ostacolare l’incredibile crescita della produzione di batterie e l’ascesa del veicolo elettrico, ritardandone lo sviluppo non solo in Cina, il più grande mercato del mondo, ma anche in Nord America e nel Regno Unito.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.