GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Il coronavirus colpirà le banche? Fitch Ratings fa il punto

Fitch

L’epidemia da Covid-19 colpirà le banche. Così un’analisi di Fitch Ratings, secondo la quale l’incertezza sull’intensità, la portata geografica e la durata dell’epidemia di coronavirus ha un impatto negativo sulle attività del mercato primario e aumenta significativamente la volatilità, rendendo probabile che i ricavi dei mercati dei capitali e il commercio globale e le banche universali (Gtub) ne risentiranno negativamente.

”Noi non ci aspettiamo che questo colpo influisca sui guadagni sulle valutazioni di Gtub se l’epidemia viene contenuta rapidamente, ma una prolungata debolezza dei ricavi e il deterioramento della qualità degli attivi in caso le prospettive economiche più deboli diventino più radicate, potrebbero esercitare una pressione sui livelli di capitale e, in ultima analisi, sui rating più a lungo termine termine – scrive Fitch – Dopo una forte attività di mercato nei primi due mesi dell’anno in Europa e negli Stati Uniti, l’aumento della volatilità del mercato ridurrà probabilmente l’attività di emissione, che ridurrà i ricavi nel primo trimestre, normalmente il più forte”.

”I responsabili politici hanno sottolineato la volontà di utilizzare strumenti fiscali e monetari per ridurre l’impatto economico e finanziario del Covid-19 sui mercati finanziari – aggiunge Fitch – La volatilità dei mercati finanziari persisterà probabilmente fino a quando permarrà l’incertezza. La Federal Reserve ha abbassato il suo obiettivo è di 50 punti base in risposta al rallentamento della crescita dovuto all’epidemia di Covid-19. Se da un lato la risposta della Fed può stimolare l’attività di emissione, dall’altro influenzerà negativamente i rendimenti delle attività, con conseguente diminuzione dei margini e riduzione della redditività delle banche”.

‘Mentre l’aumento della volatilità può aiutare i ricavi del trading, “crediamo che il recente forte aumento della volatilità e i volumi di negoziazione riflettono elevati livelli di incertezza con volumi di transazione in molti scambi. Le imprese potrebbero diminuire una volta che gli investitori e le aziende hanno riaggiustato i loro portafogli”, aggiunge l’agenzia di rating sottolineando che “questo ambiente assomiglia al quarto trimestre 2018 e al primo trimestre 2016, che ha visto giorni con elevata Vix, ma un notevole calo su base annua nei mercati”.

”L’esposizione al mercato derivante dalla negoziazione rappresenta un rischio rilevante per le banche – continua Fitch – Tuttavia, riteniamo che la propensione al rischio è rimasta prudente, in quanto i gruppi si concentrano principalmente su transazioni orientate al cliente. Noi non ci aspettiamo perdite materiali di negoziazione derivanti da picchi di volatilità o dall’ampliamento del credit spread dato questo approccio conservatore. Tuttavia, qualsiasi segno di colpi fuori misura sui ricavi di trading potrebbe indicano debolezze di controllo o un’accresciuta propensione al rischio, che sarebbero viste negativamente da un prospettiva del credito. Anche le attività di trading potrebbero essere sotto pressione se le banche dovessero emanare cambiamenti operativi per garantire la continuità operativa, o se una parte rilevante del personale delle banche deve lavorare da casa o da luoghi fuori sede”.

”Data la loro presenza globale, diversi Gtub hanno anche attività materiali in Asia, che comprendono operazioni di gestione patrimoniale e di prestito di notevole entità, in cui è probabile che il deterioramento della qualità delle attività si verifichi emergono per primi. Gli attuali indici di qualità degli attivi sono solidi, ma un grave colpo alla crescita del Pil nella regione metterebbe alla prova la qualità della sottoscrizione delle banche dopo un periodo prolungato di crescita sostenuta dell’attività e un ambiente di credito benevolo”, scrive Fitch.

”Le prospettive settoriali negative per il 2020 di Fitch per le banche dell’Europa occidentale riflettono la pressione sugli utili delle banche, con la riduzione dell’attività dei mercati dei capitali che rende più difficile per le banche raggiungere i livelli più bassi per gli obiettivi di redditività. Le prospettive di settore per le banche americane rimangono stabili, a fronte di una crescita economica più lenta, con la politica monetaria in allentamento per compensare gli impatti di Covid-19 che potrebbe attenuare la redditività delle banche statunitensi”.

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.