CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Coronavirus, Draghi e la ‘fine’ del debito pubblico

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
mario draghi
Aboca banner articolo

Mario Draghi sceglie il Financial Times per usare parole che cambiano senso allo scenario. Quando lo faceva da presidente della Bce doveva trovare il modo di ‘forzare’ il linguaggio controllato del banchiere centrale. Oggi può farlo con ancora maggior decisione. Dice due cose che, più di altre, hanno una profonda valenza economica e politica. Il debito pubblico, nella guerra al Coronavirus, non può avere lo stesso peso di prima e deve inevitabilmente crescere per salvare il debito privato; gli anni ‘20 sono un precedente che deve indicare la strada da seguire: “il costo della mancata azione può essere irreversibile”.

L’analisi è netta a partire dall’incipit. “La pandemia di coronavirus è una tragedia umana di proporzioni potenzialmente bibliche. Molti oggi vivono nel terrore o piangendo i loro cari. Le azioni intraprese dai governi per evitare che i sistemi sanitari vengano travolti sono coraggiose e necessarie. Devono essere sostenute. Ma quelle azioni comportano un enorme e inevitabile costo economico”.

L’ex numero uno della Bce osserva che “mentre molti affrontano il rischio di perdere la vita, molti di più rischiano di perdere i mezzi di sussistenza. Giorno dopo giorno, le notizie economiche peggiorano. Le aziende fanno i conti con perdite nell’intero sistema economico. Molte già si stanno ridimensionando e licenziano lavoratori. Una profonda recessione è inevitabile“.

Ancora, spiega Draghi, “la sfida che affrontiamo riguarda il modo di agire con sufficiente forza e velocità per evitare che la recessione si trasformi in una prolungata depressione, resa più profonda da una sequenza di default che lascerebbero danni irreversibili. E’ chiaro che la risposta debba coinvolgere un significativo incremento del debito pubblico. Le perdite del settore privato – e il debito per colmare il gap – devono essere assorbite, in toto o in parte, dai bilanci pubblici. I livelli più alti di debito pubblico diventeranno una caratteristica permanente delle nostre economie e sarà accompagnata dalla cancellazione del debito privato”.

 

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.