Advertisement

17 Aprile 2020

Il mercato dei prodotti sostenibili vale 100 mld di dollari

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Le manifestazioni degli ultimi anni, il fenomeno Greta Thunberg, gli allarmi (catastrofici) sull’emergenza climatica, hanno delle conseguenze sull’economia. Perlomeno sulla coscienza dei consumatori, che poi sono spesso il motivo principale che spinge le aziende a sposare modelli più ‘green’. Lo testimoniano numeri che diventano sempre più rilevanti: negli ultimi tre anni il mercato dei prodotti alimentari attenti al rispetto dell’ambiente e alla sostenibilità è aumentato del 6% ogni dodici mesi, superando i 100 mld di dollari. Ad evidenziarlo è un focus di FutureBrand (Network globale di consulenza di branding e innovazione, parte di Interpublic Group) a firma di Riccardo Trevisani.

 

Dal suo osservatorio dei trend che influenzano e modificano i consumi a livello mondiale, la sede italiana del network ha trattato il tema partendo dall’analisi del mercato “ecologico”, che rappresenta un business in forte espansione. I dati forniti da FutureBrand si inseriscono infatti in una tendenza più ampia. Secondo l’ultimo GlobalWebIndex, il 62% dei consumatori “eco-conscious” nel Regno Unito e negli USA ritengono che i prodotti “eco-friendly” siano migliori anche per la propria salute. Per questo si informano sulla provenienza, sul modo in cui vengono lavorati e sulla sostenibilità dell’imballo che li contiene.

 

Per il consumatore “più ecologico” significa “più sano”, sostiene invece il 60% degli italiani (Rapporto Coop 2019). I brand del food che hanno compreso e intercettato le nuove priorità, sono ripagati dei propri sforzi con un rafforzamento del legame e della fiducia nei consumatori, oltre che da un aumento del proprio valore percepito. Secondo il Rapporto Coop, l’82% dei giovani italiani è pronto a modificare il proprio stile di vita per ridurre il proprio impatto sul pianeta.

 

Il 2020 – secondo l’analisi di FutureBrand – sarà l’anno in cui la richiesta verso uno stile di vita e consumi più sostenibili e sani non potrà restare inascoltata. Ci sono importanti brand che stanno investendo sulla sostenibilità, consapevoli che non si tratta più di una nicchia di mercato ma di una questione di DNA della marca. Alcuni esempi: Carlsberg ha da poco lanciato la prima lattina di birra realizzata in carta, tallonata da Heinz e CocaCola che hanno prodotto bottiglie realizzate con materiale vegetale. La catena olandese di supermercati biologici Ekoplaza ha presentato il primo supermercato “plastic-free”, realizzato selezionando oltre 700 prodotti che non fanno ricorso alla plastica per le loro confezioni, compresa carne, formaggi, frutta e verdura. Si tratta per ora di un esperimento che ha però ottenuto molta visibilità a livello mondiale e che si spera possa servire da esempio per altri player.

 

L’analisi si chiude con una panoramica sulle startup più virtuose. Grazie al progetto del brand italiano Wami (Water with a Mission), per esempio, acquistando una bottiglia della loro acqua, si possono donare 100 litri di acqua potabile ad alcuni villaggi africani. Più a Nord, invece, troviamo Too Good To Go, una app danese che si sta facendo strada anche in Italia. L’applicazione consente di acquistare a un prezzo molto conveniente il cibo invenduto dei supermercati e dei ristoranti della propria città, anche quelli stellati. Testimonianza pratica dell’attenzione al Km 0, che unisce qualità ed eco compatibili.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.