INFRATEL 4

Il mondo è in ritardo su rinnovabili e accesso universale all’energia

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
energia eolico cina turbine rinnovabili coronavirus
Il mondo non riuscirà a garantire l’accesso universale a energia affidabile, sostenibile e moderna entro il 2030 a meno che gli sforzi non accelerino. Ovvero, non riuscirà a rispettare il Sustainable Development Goal numero 7. Proprio a questo obiettivo di sviluppo sostenibile è dedicato il nuovo Tracking SDG 7: The Energy Progress Report (2020) pubblicato oggi dall’Agenzia internazionale per l’energia (Iea), l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena), la Divisione statistica delle Nazioni Unite, la Banca mondiale e l’Organizzazione mondiale della sanità.

 

Secondo il rapporto, erano stati compiuti progressi significativi su vari aspetti dell’obiettivo di sviluppo sostenibile numero 7, cioè quello che prevede un’energia accessibile per tutta l’umanità, prima dell’inizio della crisi COVID-19. Si è ridotto di molto il numero di persone in tutto il mondo che non hanno accesso all’elettricità, è aumentata la quota di energia rinnovabile usata per la generazione di elettricità e miglioramenti nell’efficienza energetica. Nonostante questi progressi, gli sforzi globali rimangono insufficienti per raggiungere gli obiettivi chiave dell’agenda 2030. Il numero di persone senza accesso all’elettricità è diminuito da 1,2 miliardi nel 2010 a 789 milioni nel 2018, tuttavia, in base a politiche che erano in atto o previste prima dell’inizio della crisi COVID-19, si stima che 620 milioni di persone non avranno ancora accesso all’elettricità nel 2030, l’85% di essi nell’Africa subsahariana. L’SDG 7 richiede l’accesso universale all’energia entro il 2030.

 

“L’energia rinnovabile è la chiave per raggiungere l’SDG numero 7 e costruire economie resilienti, eque e sostenibili in un mondo post COVID-19. Ora più che mai è il momento di una coraggiosa cooperazione internazionale per colmare il divario di accesso all’energia e porre l’energia sostenibile al centro degli stimoli economici e delle misure di ripresa. IRENA è impegnata a potenziare l’azione con i suoi membri mondiali e i suoi partner per incanalare gli investimenti e guidare gli interventi politici nel perseguimento dello sviluppo sostenibile per tutta l’umanità”, ha affermato Francesco La Camera, direttore generale dell’Irena.

 

Anche altri importanti elementi di questo obiettivo di sviluppo sostenibile continuano a essere fuori strada. Nel 2017 quasi 3 miliardi di persone sono rimaste senza accesso a processi di cottura igienici, principalmente in Asia e nell’Africa subsahariana. I progressi sono stati in gran parte inesistenti, dal 2010: ci sono ancora milioni di morti ogni anno a causa della respirazione del fumo di cottura. In base alle politiche attuali e pianificate, nel 2030 2,3 miliardi di persone verrebbero ancora private dell’accesso a combustibili e tecnologie per la cottura puliti. È probabile che la pandemia di COVID 19 aumenti il ​​bilancio delle esposizioni prolungate di donne e bambini all’inquinamento dell’aria domestica causato principalmente dall’uso di materie prime come carbone, cherosene o legna per cucinare.

 

La quota di energia rinnovabile nel mix energetico globale sta aumentando, ma molto poco, nonostante la rapida crescita dell’energia eolica e solare nella generazione di elettricità. È necessaria un’accelerazione delle energie rinnovabili in tutti i settori per avvicinarsi al raggiungimento dell’SDG 7, con i progressi nel riscaldamento e nei trasporti attualmente in ritardo rispetto al loro potenziale. La quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale ha raggiunto il 17,3% del consumo finale di energia nel 2017, rispetto al 17,2% nel 2016 e al 16,3% nel 2010. Il consumo di energie rinnovabili (+2,5% nel 2017) sta crescendo più rapidamente del consumo globale di energia ( +1,8 per cento nel 2017), continuando una tendenza in evidenza dal 2011. Il pieno impatto della crisi COVID-19 sulle energie rinnovabili deve ancora essere chiaro. L’interruzione delle catene di approvvigionamento e di altre aree rischia di ritardare gli impieghi di energia eolica e solare fotovoltaica. La crescita della produzione di elettricità da fonti rinnovabili sembra aver rallentato a causa della pandemia, secondo i dati disponibili. Ma finora sembrano resistere molto meglio di altri importanti carburanti, come carbone e gas naturale.

 

Dopo forti progressi nell’efficienza energetica globale tra il 2015 e il 2016, il ritmo è rallentato. Il tasso di miglioramento deve accelerare notevolmente, dall’1,7 per cento nel 2017 ad almeno il 3 per cento nei prossimi anni, dice il report. I miglioramenti sono stati i più rapidi nei settori dell’industria e del trasporto passeggeri, superando il 2% dal 2010. Nei settori dei servizi e residenziale, hanno registrato una media tra l’1,5% e il 2%. Il trasporto merci e l’agricoltura sono leggermente indietro.

 

Accelerare il ritmo dei progressi in tutte le regioni e settori richiederà un maggiore impegno politico, una pianificazione energetica a lungo termine, un aumento dei finanziamenti pubblici e privati ​​e adeguati incentivi politici e fiscali per stimolare una più rapida diffusione delle nuove tecnologie. “È richiesto, data la grande percentuale della popolazione senza accesso energetico in comunità remote, rurali, più povere e vulnerabili. La relazione 2020 introduce il monitoraggio di un nuovo indicatore, il 7.A.1, sui flussi finanziari internazionali verso i paesi in via di sviluppo a sostegno delle energie pulite e rinnovabili. Sebbene i flussi totali siano raddoppiati dal 2010, raggiungendo 21,4 mld di dollari nel 2017, solo il 12% ha raggiunto i Paesi meno sviluppati, che sono i più lontani dal raggiungimento dei vari obiettivi dell’SDG 7. Per accelerare la diffusione di energia rinnovabile nei paesi in via di sviluppo, è necessaria una cooperazione internazionale rafforzata che includa un maggiore impegno pubblico e privato, per guidare un aumento dei flussi finanziari verso i più bisognosi, e ancora di più in un mondo post-COVID-19.

 

INFRATEL
double for you 2
Connect The Intelligent
dhl

Leggi anche

INFRATEL
double for you 2
Connect The Intelligent
dhl
INFRATEL
double for you 2

Ultim'ora