Advertisement

27 Giugno 2020

La startup che permette alle aziende di ‘adottare’ alveari e salvare le api

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La startup 3Bee nasce nel 2017 dall’unione delle competenze in ingegneria elettronica di Niccolò Calandri ed in biologia di Riccardo Balzaretti, tornati In Italia per fondare la startup dopo percorsi di ricerca internazionali. 3Bee sviluppa sistemi intelligenti di monitoraggio e diagnostica per la salute delle api, innovando l’antica arte dell’apicoltura grazie all’applicazione di tecnologie come l’ioT, l’intelligenza artificiale ed il machine learning. L’azienda ha lanciato il programma di Corporate Social Responsibility “Pollinate the Planet” che in un anno è riuscito a  proteggere 70 milioni di api.

 

Le api, insieme agli altri insetti impollinatori, svolgono un ruolo fondamentale per l’ambiente in quanto circa il 90% delle piante da fiore ha bisogno di loro per riprodursi e continuare a garantire il funzionamento degli ecosistemi, la conservazione delle specie e, in generale, della diversità biologica. Secondo l’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) una specie su dieci di api europee rischia l’estinzione e una specie su tre vede la propria popolazione in declino. In pratica, senza il lavoro svolto dalle api, gli ecosistemi e le economie mondiali subirebbero danni irreparabili.  

 

3Bee ha creato un network di 2.000 apicoltori in tutta Italia, che utilizzano il sistema Hive-Tech. “Grazie a questa rete, abbiamo creato il programma di ricerca, sviluppo ed economia circolare chiamato ‘Adotta un alveare’. – spiega Niccolò Calandri, ceo di 3Bee – In seguito al successo del progetto e alle crescenti richieste abbiamo deciso di renderlo disponibile a tutte le imprese che attente a tematiche green e di sostenibilità ambientale. Ad oggi sono circa 70 le aziende con cui lavoriamo, sia piccole imprese che grossi brand di tutti i settori”.

 

Gli apicoltori vengono dotati di sistemi IoT di monitoraggio e del supporto tecnico necessario al loro corretto utilizzo. Gli alveari vengono fotografati, geolocalizzati e monitorati h24 da 3Bee e dall’azienda promotrice del progetto, grazie a una app di monitoraggio da remoto. L’azienda può decidere anche di regalare un alveare a ciascun dipendente o agli stakeholder. Ciascuno di loro potrà accedere alla piattaforma online, scegliere la tipologia di miele, l’apicoltore che si prenderà cura delle api, la quantità di fiori che vogliono impollinare, la biodiversità che vogliono creare e potrà seguire online l’evoluzione. Infine, al termine della stagione apistica, potrà ricevere il miele prodotto dalle sue api. È possibile, inoltre, organizzare anche esperienze in apiario per conoscere il mestiere dell’apicoltore e vedere da vicino le diverse fasi di impollinazione e produzione del miele.

 

Durante in lockdown, complice lo stop forzato alle produzioni industriali e una rinnovata sensibilità verso la tutela dell’ambiente, 3Bee ha registrato un picco di adesioni, con 20 aziende che hanno deciso di partecipare al programma Pollinate the Planet. Tradotto in numeri, questa adesione ha significato tutelare oltre 9 milioni e 600 mila api in poco tempo.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.