AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement
Ferrovie Banner

Il passaporto vaccinale e il pericolo discriminazione

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
passaporto vaccinale digital green pass

In vigore da giugno nell’Unione europea, secondo l’annuncio della presidente della Commissione Ursula von der Leyen, il passaporto vaccinale sembra essere la strada più adeguata da percorrere per ricominciare quella libera circolazione che la pandemia Covid ha, inevitabilmente, reso molto più complessa, se non proprio bloccata.

Si tratta, in particolare, della standardizzazione della certificazione di avvenuta vaccinazione, che tuttavia non vuol dire una garanzia e totale immunità, fatto che – su numeri così alti – nessuno può con responsabilità attestare. Il passaporto vaccinale è di certo lo strumento migliore per ridurre al minimo, anche se non proprio eliminare, il rischio di contagio, rappresentando lo strumento migliore per poter viaggiare in sicurezza. Eppure, un ragionamento sul passaporto vaccinale deve fondarsi almeno su alcune basi, la principale delle quali è che si può procedere in tal senso solo se è – ed è stato – permesso di vaccinarsi a tutti i cittadini, senza alcuna distinzione, neanche territoriale.

Non si può infatti pensare che, tramite uno strumento giusto, il passaporto vaccinale, si crei una sorta di discriminazione tra chi lo ha avuto e chi, invece, non ha potuto farlo, in quanto la strategia di somministrazione della Regione dove è residente ancora non glielo ha permesso. Sarebbe infatti un doppio paradosso, per non dire un doppio vantaggio, per chi si è vaccinato rispetto a chi non ha potuto farlo.

In questo quadro, allora, si rafforza il senso positivo della scelta dell’Unione di proporre questo strumento solo a partire da giugno di quest’anno, cioè da quando – auspicabilmente – gran parte dei cittadini europei dovrebbe essere messa in condizione, senza difficoltà e ritardi, di poter scegliere liberamente se vaccinarsi o meno.

Comunque, dal punto di vista giuridico, il passaporto vaccinale pone problemi rilevanti innanzitutto riguardo al diritto alla privacy sanitaria dei dati dei cittadini, rispetto alla quale – assai correttamente – il Garante in Italia ha sottolineato quanto prevede l’art. 32 della Costituzione, ossia che il trattamento dei dati relativi allo stato vaccinale dei cittadini debba essere comunque oggetto di una specifica norma di rango legislativo nazionale; nonostante molte Regioni italiane abbiano messo allo studio delle regole per ‘proteggere’ i rispettivi ambiti territoriali (la Sardegna in testa).

Il digital green pass europeo sarà dentro un accordo tra Stati, e magari assomiglierà molto a quella sorta di lasciapassare, già delineato in un assai interessante report della Royal Society britannica, pubblicato a febbraio. Ossia: dovrebbe essere standardizzato a livello internazionale con credenziali verificabili per usi definiti, e dovrebbe essere basato su piattaforme tecnologiche per tutti, cioè interoperabili; naturalmente dovrebbe proteggere, mettendoli al sicuro, i dati personali dei singoli, essendo tuttavia portatile, cioè accessibile per gli individui, ma anche per i governi, come tutti i passaporti. In questo senso, dovrebbe evitare ogni forma di discriminazione, mantenendo uno standard comune a tutti, facendo sì che le sue condizioni d’uso non siano difficili da comprendere (e da accettare) per tutti.

In ogni modo, lo spettro dei problemi giuridici che potrebbe aprire si dilaterebbe a dismisura, rispetto a quello ‘semplice’ della data protection, laddove la sorta di e-passport venga proposto, se non si è data a tutti i cittadini la possibilità di poter scegliere liberamente di essere vaccinati o meno. Infatti, ogni soluzione che, forzando sui tempi, rompa il patto sociale che ci unisce, non sarebbe altro che una forma più moderna di discriminazione. Discriminazione – è bene esser chiari – del tutto inaccettabile in termini giuridici, prima che etici.

Di certo, alla fine, resterebbe il problema dei no-vax, di coloro cioè che, pur messi in condizione, non si vogliono vaccinare per libera scelta. A costoro non resterebbe altro che operare negli spazi e nei perimetri augusti che la loro libera scelta gli dà. Con l’impossibilità di tornare a poter vivere la vita di prima fino a quando la forza dell’immunità di gregge, figlia della responsabile vaccinazione di tutti gli altri cittadini, farà loro da scudo. Inutile dire che… ci vorrà tempo.

 

La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di aprile 2021. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe.Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

Microsoft Banner Articolo
Innova Finance

Dello stesso autore

I più letti