WBF

Come viene finanziata la transizione energetica?

covid multinazionali
Aboca banner articolo

Di Katherine Dunn – Paesi, aziende e banche stanno promettendo il loro impegno per realizzare una rapida transizione energetica entro il 2050, transizione possibile solo con un cambiamento su vasta scala delle fonti energetiche mondiali. Ma come e quanto viene effettivamente finanziata la transizione energetica?

Un nuovo rapporto dell’Università di Oxford dipinge un quadro variegato; mentre il carbone è in difficoltà e molti settori delle energie rinnovabili stanno crescendo rapidamente, il finanziamento dell’Oil&Gas ancora resiste.

Il rapporto, prodotto dal Sustainable Finance Program di Oxford, ha cercato di tenere traccia dei cambiamenti riguardanti i finanziamenti ottenuti dai vari settori energetici negli ultimi due decenni.

Il rapporto ha monitorato il costo del debito riguardante le diverse fonti energetiche e la produzione di elettricità, analizzando le informazioni di 12.072 contratti di prestito dal 2000 al 2020, estratti dal database DealScan della piattaforma Lpc. I dati riguardano 5.033 mutuatari in 188 Paesi nel settore dell’energia e dei servizi pubblici, dai biocarburanti alle centrali a carbone agli oleodotti.

“Sebbene i rischi di transizione legati al clima nel settore energetico siano talvolta visti come rischi lontani e a lungo termine, i cui impatti non si faranno sentire per decenni a venire, troviamo che questo non rifletta la realtà”, scrivono gli autori.

Ecco alcuni dei punti salienti.

Nell’ultimo decennio, i modelli di finanziamento sono effettivamente cambiati: i volumi dei prestiti per l’estrazione del carbone sono nettamente diminuiti man mano che le economie sviluppate si sono allontanate da questo combustibile. Ma per il resto, il quadro non è così chiaro. Mentre l’energia rinnovabile è diventata sempre più competitiva con i combustibili fossili, i volumi dei prestiti per rinnovabili sono paradossalmente diminuiti, mentre i volumi dei prestiti per ‘petrolio e gas’ sono aumentati.

Nonostante entrambi i settori siano ampiamente ad alta intensità di capitale, i costi delle energie rinnovabili tendono ad essere particolarmente concentrati nel periodo iniziale. Il costo del capitale, ad esempio la costruzione e l’installazione di una turbina eolica, piuttosto che la sua manutenzione una volta che è in funzione, è il fattore determinante più grande del costo delle energie rinnovabili.

Ciò significa che i costi di finanziamento e i tassi di interesse possono avere un grande impatto sulla competitività o meno delle energie rinnovabili con i combustibili fossili, osservano gli autori del rapporto.

Se il volume dei finanziamenti per l’estrazione del carbone è diminuito, il costo di quel tipo di finanziamenti è aumentato. Lo spread del prestito è una misura del rischio che un istituto finanziario associa a un finanziamento: uno spread più alto significa una maggiore probabilità che un mutuatario possa andare in default e non rimborsare la banca.

Questo aumento degli spread è stato osservato in tutti i settori, esclusi i biocarburanti, ma il salto è stato il più alto per l’estrazione del carbone, con lo spread medio del prestito che è aumentato del 65% nel 2011-20 rispetto al decennio precedente.

“Questa differenza tra l’estrazione del carbone e l’Oil&Gas testimonia che chi presta soldi tende a preferire il secondo settore, quando si tratta del rischio di transizione”, hanno affermato gli autori del rapporto.

I volumi di prestito per progetti di estrazione del carbone sono diminuiti drasticamente in tutto il mondo negli ultimi dieci anni. Ma quando si tratta di finanziare centrali elettriche a carbone per l’elettricità, tuttavia, ci sono forti divisioni in base alla regione: tali finanziamenti sono sostanzialmente evaporati in Europa negli ultimi dieci anni e sono diminuiti di quasi la metà in Nord America. In Cina, India e nel resto dell’Asia, tuttavia, le centrali a carbone sono ancora una forza in crescita.

Il quadro globale della produzione di elettricità, tuttavia, mostra che i finanziamenti per le centrali elettriche a carbone – e, in una certa misura, il gas – sono in calo. Ciò avviene in contemporanea con i grossi aumenti nei finanziamenti per l’energia idroelettrica, il solare fotovoltaico e l’eolico offshore.

Se però allarghiamo il focus al settore energetico nel suo complesso, il finanziamento del petrolio e del gas rimane ancora molto vivo. Solo il finanziamento delle condutture e il finanziamento per Oil&Gas ‘non convenzionale’, solitamente associato alla produzione di scisto, sono diminuiti negli ultimi dieci anni.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.