Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
FUJI

Euro 2020, la partita degli sponsor

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Dai 70 milioni di euro annui garantiti da Adidas alla nazionale tedesca fino agli scarsi 600 mila dollari dal marchio sportivo Jako, che veste la Macedonia del Nord. A Euro 2020, in attesa dei responsi del campo, la gerarchia degli sponsor e dell’indice di gradimento sul social è abbastanza definita. I grandi brand dell’abbigliamento sportivo si sono parecchio esposti nella manifestazione, legando il proprio brand alle principali favorite per il titolo continentale. Come Francia, Germania, Inghilterra. Che sono poi le nazionali più ricercate dai tifosi digitali.

GERMANIA-ADIDAS, LA COPPIA PIÙ RICCA DI EURO 2020

Il legame più remunerativo è quello della Germania (tre volte campione d’Europa) con il logo delle tre striscette. Segue poi la Francia, che incassa 50 milioni di euro annui, poi i quasi 40 milioni di euro ogni anno garantiti dalla multinazionale dell’Oregon all’Inghilterra, che per l’ennesima volta si candida alla vittoria, che però manca in un torneo internazionale dal 1966. Investimenti milionari dunque, che sono legati anche alla potenza di fuoco sui social della nazionale di Sua Maestà, vincente nella battaglia dei like (18,7 milioni complessivi) con vette su Facebook (7,3 milioni) e su Twitter (4,4 milioni), lasciando alla Francia di Mbappè il predominio su Instagram (8,7 milioni di clic), davanti al Portogallo di Cristiano Ronaldo (7,3 milioni). Per i transalpini c’è il primato anche nelle preferenze su TikTok (1,3 milioni di adepti). E’ invece la Macedonia del Nord a contare sul minor contingente di seguaci virtuali, con poco più di 42 mila clic tra le varie piattaforme, ma attirano poco, anche per il ristretto bacino d’utenza e l’assenza di tradizione, la Finlandia (202 mila contatti), la Slovacchia (121 mila).

SPONSOR E SOCIAL: ITALIA IN SECONDA FASCIA

E l’Italia? E’ al momento in seconda fascia, laddove è piazzata per ora dagli addetti ai lavori per la vittoria finale di Euro 2020. La fotografia sui rapporti commerciali della nazionale italiana vede Puma come sponsor tecnico per 20 milioni di euro annui, quindi assai distanti dai competitor Germania, Francia, Inghilterra, con un valore di mercato più vicino alla Spagna (che incassa 22,5 milioni di euro annui da Adidas, contratto valido fino al 2030). Mentre tra i main sponsor che hanno investito sull’Italia ci sono Tim, Eni, Fiat e Poste Italiane. Mentre il pacchetto complessivo dei seguaci social della nazionale, tra le varie piattaforme, è di circa 8,7 milioni di contatti, a un passo dalla nazionale spagnola (9,3 milioni di adepti) ma dieci in meno degli inglesi, con una certa distanza anche da francesi e tedeschi.

I MAIN SPONSOR DI EURO 2020

In generale su Euro 2020 hanno investito diverse multinazionali, nonostante il posticipo di un anno della competizione a causa della pandemia. Da Coca Cola, legato all’Uefa da 32 anni e primo logo a essersi associato al torneo, a settembre 2019, fino a TikTok, prima piattaforma di intrattenimento digitale con collabora con Euro 2020, sviluppando una gamma di funzionalità per l’evento. E poi, Heineken, Just Eat Takeaway.com, Qatar Airways e Vivo.

enel
asso
Galapagos Rubrica
Innova Finance
box alfasigma 1

Leggi anche

omron
pfizer
Milteny Banner 1
Milteny Banner 2

I più letti