Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
Innova Banner News

“Green pass per entrare in azienda”. Critiche alla proposta di Confindustria

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
passaporto vaccinale digital green pass

Niente lavoro senza green pass, con tanto di rischio di sospensione della paga o di cambio mansione. La proposta di Confindustria, contenuta in una mail inviata ieri dal dg Francesca Mariotti, fa già molto discutere. A dichiarare la sua totale contrarietà è la Cgil. “Spero che sia il caldo”, dice il segretario Maurizio Landini secondo cui “non sono le aziende che devono stabilire chi entra e chi esce”. Ma a bocciare l’ipotesi è anche il presidente della Camera, Roberto Fico. Durante la tradizionale cerimonia del Ventaglio con la stampa parlamentare, la terza carica dello Stato spiega: “Non mi trovo d’accordo con Bonomi, il governo sta lavorando, vedremo cosa verrà fuori”.

Per Confindustria l’intento della controversa proposta “è quello di consentire ai datori di lavoro – come si legge nella suddetta mail interna – di richiedere l’esibizione di una certificazione verde valida ai fini di regolare l’ingresso nei luoghi di lavoro e/o lo svolgimento delle mansioni lavorative dei vari soggetti”. Su questo, spiega, è stata anche avviata un’interlocuzione con il governo.

Secondo Mariotti “l’esibizione di un certificato verde valido dovrebbe rientrare tra gli obblighi di diligenza, correttezza e buona fede su cui poggia il rapporto di lavoro” e “in diretta conseguenza di ciò, il datore, ove possibile, potrebbe attribuire al lavoratore mansioni diverse da quelle normalmente esercitate, erogando la relativa retribuzione”.

“Qualora ciò non fosse possibile, il datore dovrebbe – scrive ancora il dg – poter non ammettere il soggetto al lavoro, con sospensione della retribuzione in caso di allontanamento dell’azienda”.

Connect The Intelligent
Innova Finance
dhl

Leggi anche

dhl
anima 2
data factor

I più letti