Double for you

Ballottaggi, se la politica diventa questione per pochi

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il dato sull’affluenza al primo turno delle elezioni amministrative ha fatto suonare l’ennesimo campanello d’allarme. I primi dati sul numero dei votanti ai ballottaggi confermano una tendenza inquietante: la politica sta diventando una questione per pochi.

Colpa della politica, si dice. E sicuramente la prima responsabile non può che essere la qualità dell’offerta politica. Aggiungendo qualche altro dato si può andare anche un po’ oltre. A mancare all’appello è sempre con maggiore evidenza il voto dei giovani. E quelli che vanno ai seggi lo fanno dichiarando spesso di farlo ‘per dovere’.

Alla politica poco attrattiva si somma una carenza di educazione. Deve arrivare dalle famiglie e deve arrivare dalla scuola. Ritrovare e ricostruire il senso della partecipazione alla vita politica, alla condivisione della gestione della cosa pubblica, è responsabilità di tutti, giovani e meno giovani. Si può iniziare portando i bambini ai seggi, spiegando cosa vuol dire votare, perché non è solo un gesto dovuto. Si deve continuare parlando del valore del voto in tutte le sue declinazioni e ogni volta sia possibile farlo.

Sono i comportamenti degli adulti a determinare i comportamenti dei ragazzi. Limitarsi a descrivere i giovani disinteressati e apatici, considerarli incapaci o addirittura inadatti a produrre pensiero politico, vuol dire rendersi complici di un progressivo e rapido deterioramento della società.

Andate a votare, sempre e comunque. Per sostenere il vostro candidato, per esprimere una scelta che premi il migliore o il ‘meno peggiore’. Fatelo anche per contribuire a un atto di educazione.

INFRATEL
double for you 2
Galapagos Rubrica
dhl

Leggi anche

INFRATEL
double for you 2
Galapagos Rubrica
dhl
INFRATEL
double for you 2

Ultim'ora