CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Non solo gli Stati, ecco le società private che stanno ‘sanzionando’ la Russia

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Mentre l’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin si intensifica e i Paesi occidentali impongono sanzioni economiche in risposta, anche le società private tagliano i propri legami con la Russia.

Una delle prime mosse è stata la decisione della Uefa di trasferire la finale di Champions League del 28 maggio dalla Russia a Parigi mentre la European broadcasting union ha impedito alla Russia di partecipare all’Eurovision song contest.

Ma pian piano il numero delle società che si sono schierate a sostegno dell’Ucraina e hanno deciso di interrompere i rapporti commerciali con la Russia è cresciuto, inaugurando un’ondata di sanzioni private contro il Paese.

Ecco quali sono:

Maersk

Il colosso navale danese Maersk ha dichiarato che smetterà di accettare nuovi ordini non essenziali da e verso la Russia, a causa delle sanzioni imposte per l’invasione dell’Ucraina. “Le prenotazioni da e verso la Russia saranno temporaneamente sospese, a eccezione di generi alimentari, forniture mediche e umanitarie”, ha affermato la società in una nota, aggiungendo che cercherà di onorare le prenotazioni effettuate prima delle sanzioni.

Maersk ha generato circa il 2,5% delle sue entrate totali dai trasporti con Russia lo scorso anno e gestisce rotte di container da e per San Pietroburgo e Kaliningrad nel Mar Baltico, Vladivostok e Vostochny sulla costa orientale e Novorossiysk nel Mar Nero. Maersk ha affermato che la sospensione “riguarderà tutti i porti russi fino a nuovo ordine”.

Shell

Il colosso energetico anglo-olandese ha annunciato l’uscita dalle sue joint venture con la società energetica statale russa Gazprom e con altre collegate, per un valore totale di circa 3 miliardi di dollari.

La vendita includerà in particolare la partecipazione del 10% di Shell nel controverso progetto del gasdotto Nord Stream 2. L’oleodotto da 10 miliardi di dollari sarebbe andato dalla Russia alla Germania, raddoppiando le importazioni di gas dell’Europa dalla Russia, ma è stato fermato dalla Germania il 22 febbraio dopo l’invasione dell’Ucraina. Nella vendita sono incluse anche la partecipazione del 27,5% di Shell nell’impianto di gas naturale liquefatto (GNL) di Sakhalin-II e le sue partecipazioni del 50% nella Salym Petroleum Development e nell’impresa energetica Gydan.

Meta

Il genitore di Facebook ha vietato ai media statali russi di pubblicare annunci o fare profitti attraverso la sua piattaforma in tutto il mondo. In risposta, Mosca ha affermato che limiterà parzialmente l’accesso dei suoi cittadini a Facebook, accusando il gigante dei social media di “censurare” i media russi.

Inoltre, Meta ha annunciato lunedì di aver eliminato una rete di disinformazione su Facebook e Instagram dopo aver trovato siti russi che si fingevano fornitori di notizie indipendenti utilizzando falsi profili per condividere i contenuti su piattaforme social tra cui Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, Telegram e anche i russi Odnoklassniki e VK. Hanno quindi deciso si limitare l’accesso dei media statali russi RT e Sputnik sulle piattaforme in tutta l’Unione europea.

Google

Il giorno dopo il divieto di pubblicità di Meta, Google della società Alphabet ha fatto lo stesso, impedendo al media statale russo RT e ad altri canali di ricevere profitti per gli annunci sui loro siti web, app e video di YouTube. Google ha anche impedito ai media russi finanziati dallo Stato di utilizzare la sua tecnologia pubblicitaria per generare entrate sui propri siti web e app.

Google ha affermato di aver rimosso centinaia di canali YouTube e migliaia di video che avevano violatola sua policy e ha fatto sapere che avrebbe continuato a interrompere le campagne di disinformazione e l’hacking russo.

Il regolatore statale russo delle comunicazioni, Roskomnadzor, ha quindi chiesto a Google di ripristinare l’accesso dei media russi ai canali YouTube, che includono video prodotti da RBC, Zvezda TV e Sputnik, nel territorio ucraino. Quindi, con una mossa simile a Facebook, YouTube ha annunciato martedì che avrebbe bloccato i canali collegati a RT e Sputnik in tutta Europa. Le modifiche sono in corso, ma Youtube ha osservato: “Ci vorrà del tempo prima che l’operazione sia completa”.

BP

La BP ha annunciato la cessione della sua partecipazione del 19,75% nel colosso energetico statale russo Rosneft, il che probabilmente porterà il gruppo energetico britannico a subire un contraccolpo da 25 miliardi di dollari.

In una lettera allo staff, il Ceo Bernard Looney ha scritto che la società intendeva abbandonare qualsiasi attività correlata in Russia con Rosneft e che lui e l’ex Ceo Bob Dudley si sarebbero entrambi dimessi immediatamente dal consiglio di amministrazione di Rosneft.

Equinor

Il produttore norvegese di petrolio e gas Equinor ha dichiarato l’intenzione di abbandonare le sue joint venture in Russia e di interrompere tutti i nuovi investimenti nel Paese. Equinor ha una partnership con Rosneft che include progetti in tutta la Siberia.

Il Ceo Anders Opedal ha definito la posizione dell’azienda nella situazione attuale “insostenibile” e il presidente Helge Lund ha descritto l’invasione russa dell’Ucraina come un “atto di aggressione, che sta avendo tragiche conseguenze in tutta la Regione”. Equinor è per due terzi di proprietà del governo norvegese.

Il Fondo sovrano della Norvegia

Il primo ministro norvegese ha dichiarato domenica che il fondo sovrano del Paese da 1,3 trilioni di dollari, il più grande del mondo, disinvestirà tutte le sue attività in Russia. “Abbiamo deciso di congelare gli investimenti del fondo e abbiamo avviato un processo di liquidazione”, ha detto il primo ministro Jonas Gahr Støre in una conferenza stampa.

Daimler

Il più grande produttore di camion del mondo, Daimler Truck, ha dichiarato lunedì che “sospenderà immediatamente tutte le attività commerciali in Russia”, incluso un contratto con il produttore di camion locale Kamaz per la produzione di veicoli civili. Sebbene sia improbabile che la mossa di Daimler Truck di uscire dalla Russia abbia un grande impatto sui suoi profitti, poiché vende solo poche migliaia di veicoli in Russia all’anno, segnala un forte messaggio poiché Kamaz produce veicoli utilitari per le forze armate russe.

Fifa e Uefa

I due organi più potenti del calcio, Fifa e Uefa, hanno agito all’unisono per sospendere le squadre di calcio russe dalle competizioni internazionali. Ciò significa che la nazionale russa di calcio non potrà competere per la qualificazione ai Mondiali di quest’inverno. ‘Fifa e Uefa hanno deciso insieme che tutte le squadre russe, siano esse rappresentative nazionali o squadre di club, saranno sospese dalla partecipazione alle competizioni fino a nuovo avviso”, hanno scritto le due federazioni calcistiche in una dichiarazione congiunta.

Inoltre, un certo numero di squadre di calcio ha abbandonato gli sponsor russi. La squadra di calcio inglese del Manchester United ha mollato la compagnia aerea russa Aeroflot come sponsor, mentre la squadra di calcio tedesca Schalke ha concluso la sua partnership con Gazprom.

L’articolo originale è su Fortune.com

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.