WBF

In arrivo una “grave” recessione Usa, secondo Deutsche Bank

jerome powell fed usa recessione
Aboca banner articolo

Meno di un mese dopo aver affermato che gli Stati Uniti avrebbero subito una ‘lieve’ recessione, Deutsche Bank ci mette il carico: la recessione sarà peggiore di quanto immaginato in precedenza.

La banca ora prevede “una grave recessione” tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024, secondo una nota di martedì agli investitori intitolata ‘Perché la prossima recessione sarà peggiore del previsto’. Sebbene la banca preveda che l’economia potrebbe riprendersi a metà del 2024, secondo il rapporto le cose peggioreranno prima di migliorare.

La banca aveva già sollevato le sopracciglia all’inizio di aprile. È stata la prima grande banca a prevedere che una recessione avrebbe colpito gli Stati Uniti entro la fine del prossimo anno. Il rapporto di martedì, scritto da un team guidato dal capo economista di Deutsche Bank David Folkerts-Landau, si interroga sul motivo per cui altre grandi banche mantengono proiezioni più rosee per l’economia statunitense.

“Sono molto sorpreso che siamo quelli con la previsione più estrema”, scrive Folkerts-Landau nel rapporto. “Date le gigantesche premesse, la mia opinione è che l’onere della prova dovrebbe essere a carico della tesi secondo cui questo ciclo non si concluderà con una recessione”.

In un rapporto del 5 aprile, la banca ha affermato che il Paese sarebbe entrato in una ‘lieve’ recessione alla fine del prossimo anno a causa di una serie di fattori; l’aumento dell’inflazione era il più importante.

L’unico modo per ridurre al minimo l’impatto dannoso dell’inflazione prolungata è un’azione decisa della Banca centrale. La Fed deve aumentare rapidamente i tassi di interesse, ha scritto Folkerts-Landau nel rapporto di martedì.

Deutsche Bank è tra le banche più pessimiste, per quanto riguarda la sua previsione di recessione. Goldman Sachs ha valutato le probabilità di una recessione entro i prossimi due anni al 35%, mentre il chief investment officer di Morgan Stanley ha scritto il mese scorso che il suo team era “lontano dal prevedere una recessione degli Stati Uniti”.

L’inflazione ha afflitto l’economia degli Stati Uniti dallo scorso anno, e ha raggiunto un massimo quarantennale dell’8,5% il mese scorso, rispetto a un anno fa, dopo aver toccato il 7,9% a febbraio, secondo il rapporto di aprile del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti sull’Indice dei prezzi al consumo.

Per sei mesi consecutivi, l’inflazione è stata superiore all’obiettivo del 6% della Federal Reserve: il suo obiettivo finale è del 2%. Ma la Fed ha cercato di combattere l’aumento dei prezzi aumentando i tassi di interesse. La banca centrale ha alzato i tassi a marzo e il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato la scorsa settimana che un aumento di mezzo punto dei tassi era ‘in programma’ per il mese prossimo.

Sebbene la Fed stia tentando di affrontare l’inflazione, Deutsche scrive nel rapporto che la banca centrale non è mai stata in grado di correggere la rotta. Anche quando ha mancato i suoi obiettivi occupazionali o gli obiettivi di inflazione precedenti, con margini inferiori.

“La Fed è stata lenta nel mettersi al passo con questi sviluppi”, afferma il rapporto.

L’articolo completo su Fortune.com.

 

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.