GILEAD
Cerca
Close this search box.

Con Coinbase il Crypto sbarca sulla Fortune 500. Nel suo momento peggiore

coinbase crypto criptovalute
Gilead

Cripto finalmente ha fatto il suo ingresso nella lista Fortune 500. Il paradosso è che questo è avvenuto durante uno dei periodi più difficili per il settore. Coinbase ha scritto la storia diventando la prima azienda di criptovalute ad entrare nella lista annuale delle maggiori aziende americane in base al fatturato, redatta da Fortune.com.

Nonostante Coinbase abbia recentemente deluso le aspettative degli analisti durante il crollo del settore cripto, l’exchange di criptovalute con sede a San Francisco ha avuto un anno positivo nel 2021, portandolo alla posizione numero 437 nella lista delle maggiori società americane secondo Fortune.

Coinbase è diventata protagonista quando è stata quotata attraverso una diretta quotazione (direct listing) nell’aprile 2021, meno di un decennio dopo la sua fondazione.

Poco prima della quotazione, gli analisti prevedevano che l’azienda potesse debuttare con una valutazione di 100 miliardi di dollari. Tuttavia, al termine del primo giorno di negoziazione, la valutazione si è attestata a 61 miliardi di dollari, superando di poco DoorDash e diventando la settima maggiore capitalizzazione di mercato di una società statunitense al termine del primo giorno di negoziazione.

Le entrate di Coinbase nel 2021 sono state di 7,8 miliardi di dollari, appena superiori al minimo richiesto di 6,4 miliardi di dollari per essere considerata nella lista delle Fortune 500. L’elenco del 2022 tiene conto esclusivamente delle performance finanziarie di un’azienda nel 2021. Nell’elenco del 2021, la soglia di accesso era di 5,4 miliardi di dollari.

Tuttavia, il 2022 è stato un inizio di anno difficile. I prezzi delle criptovalute sono crollati e i volumi di scambio sono diminuiti. Nonostante la società abbia cercato di diversificare le entrate con il lancio del suo marketplace per NFT all’inizio di maggio, ha registrato solo circa 2.900 utenti attivi unici, secondo Bloomberg.

L’attività di Coinbase dipende ancora fortemente dal trading di criptovalute, e il mercato ribassista ha danneggiato i profitti dell’azienda. Il Bitcoin, che rappresenta circa il 44% dell’intero mercato delle criptovalute, viene scambiato a meno di 30.000 dollari, il livello più basso dal dicembre 2020. Nel complesso, il mercato delle criptovalute ha perso quasi un trilione di dollari dall’inizio dell’anno, segnando uno dei peggiori crolli nella storia degli asset digitali.

Queste condizioni di mercato turbolente hanno pesantemente influenzato Coinbase, poiché i trader hanno ridotto le loro attività. Il volume di scambi sulla piattaforma nel primo trimestre è stato di 309 miliardi di dollari, inferiore ai 331,2 miliardi di dollari previsti dagli analisti. Il volume di scambi è diminuito del 39% rispetto ai 547 miliardi di dollari registrati nel quarto trimestre del 2021, quando i prezzi delle criptovalute hanno raggiunto massimi storici.

Coinbase ha deluso anche le aspettative degli analisti per il primo trimestre dal punto di vista dei risultati finanziari, registrando un fatturato netto di 1,16 miliardi di dollari e una perdita netta di 430 milioni di dollari. Le entrate sono diminuite del 53% rispetto ai 2,5 miliardi di dollari registrati nel quarto trimestre del 2021. Se l’azienda dovesse mantenere le stesse entrate (o meno) per i prossimi tre trimestri del 2021, il totale sarebbe inferiore ai 6,4 miliardi di dollari necessari per entrare nella lista delle Fortune 500 di quest’anno.

Inoltre, il prezzo delle azioni di Coinbase ha subito un duro colpo, diminuendo dell’82% rispetto al prezzo di chiusura di 328,38 dollari nel primo giorno di quotazione dell’azienda lo scorso aprile. Attualmente, le azioni sono scambiate a circa 60 dollari.

Nonostante Coinbase avesse pianificato di triplicare le dimensioni dell’azienda nel 2022, il suo chief operations officer, Emilie Choi, ha annunciato la scorsa settimana che le assunzioni sarebbero state ridimensionate, in parte a causa delle condizioni di mercato. Nel primo trimestre dell’anno, Coinbase ha assunto 1.200 persone, secondo il suo rapporto trimestrale. Attualmente, l’azienda conta oltre 4.900 dipendenti, secondo il suo sito web.

Dopo che la pandemia ha influenzato i profitti delle aziende nel 2020, le 500 società nella lista del 2022 hanno registrato un record di 16.100 miliardi di dollari di entrate e 1.800 miliardi di dollari di utili.

L’articolo originale su Fortuneita.com

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.