WBF

Il new normal dell’Europa: estati roventi e inverni rigidi. L’allarme Iea sul gas

clima caldo inverno gas iea
Aboca banner articolo

Mentre ondate di caldo record bruciano l’Europa, costringendo le persone ad alzare l’aria condizionata, innescando incendi e uccidendo centinaia di persone, l’Agenzia internazionale per l’energia (Iea) ha un duro avvertimento per il continente: tagliare immediatamente il consumo di gas o affrontare un “inverno lungo e difficile”.

Ma potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi per l’Europa poiché le temperature torride stanno costringendo le persone ad accendere i condizionatori d’aria e il caldo stesso ha danneggiato la capacità di paesi come Francia e Germania di aumentare la propria capacità nucleare e di ottenere le consegne regolari di carburante.

In un rapporto di lunedì, l’Iea, un organismo con sede a Parigi incaricato di garantire la sicurezza energetica globale, ha avvertito che la crisi energetica globale sta diventando “particolarmente pericolosa” in Europa mentre crescono i timori per un taglio completo della fornitura di gas russa al continente.

“Man mano che ci avviciniamo al prossimo inverno, abbiamo un’idea più chiara di ciò che la Russia potrebbe fare dopo. I prossimi mesi saranno critici. Ho esortato [i leader europei] a fare tutto il possibile in questo momento per prepararsi a un inverno lungo e difficile”, ha detto lunedì Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Iea.

Gazprom, l’azienda energetica statale russa e la più grande del paese, ha ridotto del 60% le forniture di gas all’Europa il mese scorso, parlando delle riparazioni al gasdotto Nord Stream 1 che trasporta il gas russo in Germania sotto il Mar Baltico.

La Commissione Europea, invece, ha descritto le mosse di Gazprom come uno “strumento di ricatto” del Cremlino per verificare se l’Europa si sarebbe attenuta alle sanzioni contro la Russia per la sua guerra con l’Ucraina, anche se minacciata dalla prospettiva di non essere in grado di per alimentare la sua economia e riscaldare le sue case.

Le nazioni europee si stanno ora affrettando a riempire i loro serbatoi di stoccaggio del gas prima che l’intenso fabbisogno energetico dell’inverno si avvicini, anche mentre cercano di ‘climatizzare’ le famiglie, estinguere incendi, affrontare potenziali interruzioni di corrente e binari ferroviari deformati a causa del caldo. I siti di stoccaggio del gas dell’UE sono attualmente pieni al 64%. Anche se i livelli di stoccaggio del gas dell’UE raggiungono il 90%, i paesi corrono comunque un rischio di interruzioni dell’approvvigionamento di gas, in caso di interruzione del flusso della Russia, avverte l’IEA.

La Russia fornisce circa il 40% del gas naturale europeo. L’anno scorso, il Paese ha consegnato al continente 155 miliardi di metri cubi di gas.

L’Iea afferma che l’Europa deve ridurre drasticamente l’assunzione di gas nei prossimi mesi, per prepararsi al fabbisogno energetico dell’inverno.

“È molto meglio prendere provvedimenti ora per prepararsi all’inverno, piuttosto che lasciare il benessere di milioni di persone e delle economie europee [alla] mercé del tempo o… dare ulteriore leva al presidente [russo] Vladimir Putin”, ha detto Birol.

Il “primo passo immediato” è ridurre significativamente l’attuale consumo di gas in Europa, sia da parte delle imprese che delle famiglie, per garantire livelli adeguati di stoccaggio del gas prima dell’inverno, ha scritto l’Iea. Secondo l’agenzia, le nazioni dell’Ue devono risparmiare altri 12 miliardi di metri cubi di gas, sufficienti per riempire 130 navi cisterna di gas naturale liquefatto (Gnl), nei prossimi tre mesi.

Per evitare una significativa interruzione dell’approvvigionamento, l’Ue si è mossa per assicurarsi fornitori di energia alternativa. Lunedì, l’Ue ha firmato un nuovo accordo con l’Azerbaigian per almeno 20 miliardi di metri cubi di gas all’anno entro il 2027. Ma l’Iea avverte che non è sufficiente fare affidamento su fonti di gas non russe poiché questi fornitori non hanno i volumi necessari “per sostituire le consegne mancanti della Russia”. Anche se le forniture di gas da paesi come l’Azerbaigian e la Norvegia fluiscono verso l’Europa alla massima capacità, l’Ue corre ancora un rischio serio di interruzioni delle forniture se la Russia interrompe completamente il suo gas.

L’Ue dovrebbe aumentare temporaneamente l’uso della produzione di energia da carbone e petrolio e fonti rinnovabili come l’energia eolica, il solare e persino il nucleare, ove possibile; e l’introduzione di piattaforme d’asta che consentono agli utenti di gas industriale di offrire la propria fornitura al fine di ridurre il consumo di gas, secondo l’IEA.

A giugno, il governo tedesco ha preso la decisione “amara… ma semplicemente necessaria” di riaprire le centrali a carbone chiuse per ridurre il consumo di gas del paese, ha affermato all’epoca il ministro tedesco dell’economia Robert Habeck. Il Paese mirava a eliminare gradualmente la produzione di energia da carbone entro la fine di questo decennio.

I paesi dell’UE devono anche promuovere campagne per incoraggiare le famiglie a ridurre il consumo di elettricità e stabilire standard e controlli di raffreddamento durante l’estate.

Mercoledì, la Commissione europea annuncerà ulteriori misure urgenti che i paesi attueranno per frenare il consumo di gas.

Questo inverno potrebbe diventare un “test storico per l’Europa, che non può permettersi di fallire, con implicazioni che vanno ben oltre il settore energetico”, ha scritto l’Iea.

L’articolo completo su Fortune.com

 

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.