WBF

Benvenuti nella Contradiction economy

contradiction economy
Aboca banner articolo

Da molti punti di vista, compresi i profitti record per le aziende Fortune 500, le grandi imprese non sono mai state così forti. Ma i timori di recessione sono in aumento. La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio-agosto 2022 .

Che cosa è andato storto nel mondo degli affari la notte di Capodanno? A quanto pare qualche onnipotente burocrate responsabile delle condizioni commerciali mondiali si è svegliato la mattina dopo con una sbornia epica. Il primo giorno di ritorno al lavoro, il 3 gennaio 2022, l’S&P 500 ha chiuso ai massimi storici. Ma da allora ha percorso una strada frastagliata verso il basso. Quattro giorni dopo, i tassi di interesse sono balzati al loro livello più alto da prima della pandemia. Tre giorni dopo, il Bureau of Labor Statistics ha riferito che l’inflazione era scesa del 7% per la prima volta dal 1982.

A metà mese, la variante Omicron di Covid aveva spinto i casi medi giornalieri negli Stati Uniti a un massimo storico di oltre 800mila.

Era solo gennaio. Da allora, la Russia ha invaso l’Ucraina; le catene di approvvigionamento, che secondo gli esperti avrebbero dovuto trovare un equilibrio, non l’hanno ancora trovato; la carenza di manodopera senza precedenti negli Stati Uniti continua ad affliggere i datori di lavoro; e le aspettative di recessione aumentano di giorno in giorno.

Quindi siamo felici di condividere alcune buone notizie. Questo è l’anno della 68esima edizione della Fortune 500, la classifica delle più grandi aziende americane per fatturato. Quelle 500 grandi aziende sono entrate in questo miserabile periodo storico in una condizione che è quasi la più forte mai osservata in quasi sette decenni di compilazione della lista. Le metriche più importanti – margine di profitto, ritorno sul capitale, entrate per dipendente, profitto per dipendente, asset totali e altro ancora – sono state al di sopra, a volte molto al di sopra, di qualsiasi livello precedente. Questa performance eccezionale non riflette solo un rimbalzo dal 2020, scosso dalla pandemia. Secondo gli standard strettamente finanziari, il 2020 non è stato poi così male; i profitti sono crollati molto più profondamente nel 2002, 2003 e 2009, ad esempio, e i rimbalzi dell’anno successivo, in termini percentuali, sono stati molto più grandi, ma le misure di performance complessive non erano così buone come nel 2021. Inoltre, una misura chiave della forza finanziaria, il capitale azionario, è la più alta che ci sia mai stata. Un’altra misura della forza, le passività in percentuale sugli asset totali (meglio conosciuta come leva finanziaria), è bassa, ben al di sotto della media registrata nei 28 anni in cui Fortune.com ha utilizzato l’attuale metodologia della Fortune 500. Nel complesso, questo gruppo di aziende è in forma e pronto ad affrontare difficili sfide aziendali che sembrano destinate a peggiorare. È una notizia incoraggiante in mezzo alle macerie economiche, ma c’è di più.

Un lato positivo spesso trascurato dei periodi difficili è che offrono opportunità significative, e non solo nel senso del cliché secondo cui ogni problema è un’opportunità. I tempi turbolenti sono quelli in cui l’ordine competitivo tra le aziende cambia di più. Ha senso. Quando i tempi sono tranquilli e quasi tutti stanno andando bene, è difficile per i ritardatari superare i leader, e difficile per i leader ampliare significativamente i loro vantaggi. Ma le brutte condizioni fanno emergere differenze di prestazioni che non erano evidenti quando splendeva il sole. Questa non è solo teoria. Delle ricerche McKinsey hanno dimostrato che i tempi più difficili sono quelli durante i quali i leader del settore e i ritardatari hanno maggiori probabilità di scambiarsi i posti. Il mix di fattori economici di oggi è l’ideale per produrre grandi vincitori e grandi perdenti, essendo così contraddittorio e sconcertante. Gli enigmi riflettono in parte un’improvvisa dissonanza tra il recente passato e il presente, nettamente diverso. Coinbase è entrato nelle 500 per la prima volta quest’anno in base alle sue prestazioni da favola del 2021, con il boom del trading di criptovalute. Ma le sue azioni sono recentemente crollate in modo ancora più drammatico del Bitcoin; a fine maggio, Coinbase aveva perso il 73% del suo valore nel 2022. Durante la stagione della prima trimestrale, il 77% delle società S&P 500 ha annunciato profitti migliori del previsto, ma l’indice S&P 500 è sceso costantemente.

 

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio-agosto 2022. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

 

 

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.