GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Frena l’inflazione,ma carrello spesa sempre più caro

Nei suoi dati definitivi l’Istat ha limato al ribasso il tasso di inflazione di febbraio portandolo da 9,2 al 9,1%. Da gennaio il rallentamento è stato quindi di quasi un punto percentuale, rallentamento più marcato rispetto a paesi come Francia e Germania. A febbraio in Francia l’inflazione è addirittura aumentata dal 6 al 6,3% mentre in Germania si è mantenuta stabile all’8,7%. A fare la differenza è stato l’intervento dell’Arera, l’Autorità regolatoria pubblica di elettricità, gas e acqua, sul prezzo delle bollette del gas nel mercato tutelato che nel mese di febbraio ha deciso un calo del 13% dei prezzi, portando il gas a 86,45 centesimi a metro cubo. Il calo ha riguardato un terzo degli italiani e ha avuto anche effetto sulle bollette di chi si trova con contratti a libero mercato (i prezzi fissati da Arera nel mercato tutelato finiscono per essere una sorta di benchmark del settore).

istat sede pil economia inflazione

“Il rallentamento dell’inflazione si deve, in primo luogo – spiega infatti l’Istat – all’accentuarsi della flessione su base tendenziale dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (da -12,0% a -16,4%) e alla decelerazione di quelli degli Energetici non regolamentati (da +59,3% a +40,8%). Tuttavia a febbraio l’inflazione sembra aver preso due teste: una è quella dell’indice medio dei prezzi e un altro è quello dei prezzi dei beni di maggior consumo, in particolare gli alimentari (+15,5% i lavorati) e del cosiddetto carrello della spesa. Fino ad ora i due andamenti procedevano paralleli, entrambi in lento rallentamento, con i prezzi del carrello della spesa di circa un punto sopra l’indice generale, da febbraio però mentre la curva dell’indice generale ha continuato a scendere, la curva del prezzi dei beni più necessari ha continuato a salire, toccando un +12,7%: adesso la forbice fra i due indicatori è di quasi 4 punti.

 

In altre parole l’inflazione si sta accanendo sulle persone con reddito più basso e su chi ha redditi fissi non modulati all’andamento dell’inflazione. Se non ci si limita al “carrello della spesa” e si prendono in considerazione i beni di largo consumo nel loro complesso, la situazione peggiora e si tocca un’inflazione “teorica” del 16% come rileva l’analisi mensile di Nielsen sui beni a largo consumo. Di fronte a questo quadro, le organizzazioni dei consumatori, a cominciare da Adoc chiedono con urgenza la convocazione di un tavolo alla Commissione Alert Prezzi con all’ordine del giorno “gli aumenti spropositati dei prezzi di largo consumo, a partire da quelli della grande distribuzione organizzata”. “I prezzi devono diminuire immediatamente. È un impegno che l’Adoc, insieme alle altre associazioni, sta portando avanti per sollevare le famiglie dall’eccessivo peso dei continui rincari non più sopportabili. Le persone sono più povere e tagliano dove possono, mangiano meno, abbassano il livello della qualità, tagliano addirittura le spese di cura” dice la presidente Anna Rea. Tornando al carrello della spesa e ai beni alimentari, Coldiretti segnala l’aumento monstre dello “zucchero”, bene primario schizzato a +55%, di cui – ci ricorda l’importante organizzazione agricola – “l’Italia è fortemente deficitaria” anche a causa di una improvvida ristrutturazione europea che all’inizio di questo millennio impose di ridurre drasticamente la produzione nazionale.

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.