GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Industria automobilistica: operai americani pronti a uno sciopero senza precedenti

Shawn Fain, presidente del sindacato americano dei lavoratori del settore automobilistico ha annunciato che l’accordo sul rinnovo del contratto con le maggiori case di produzione di Detroit è ancora lontano, minacciando di iniziare uno sciopero a partire da singoli impianti di ciascuna azienda, aggiungendone eventualmente altri.

Anche se un blocco delle attività potrebbe ancora essere evitato, il confronto tra UAW (United Auto Workers) e General Motors, Ford Motor e Stellantis si avvicina a una deadline. Il contratto di lavoro vigente scade a ore.

Se il sindacato e le case produttrici di auto non riescono a trovare un accordo, UAW proclamerà lo sciopero in un numero limitato e mirato di impianti di produzione, ha dichiarato Fain. Aggiungerne o meno altri dipenderà da come procedono le trattative, si potrebbe anche arrivare a fermare completamente la produzione in tutte e tre le aziende – un fatto senza precedenti.

Fain ritiene che questa mossa, lasciando i produttori nell’incertezza su cosa potrebbe accadere dopo, dia al sindacato più potere nella negoziazione.

“Siamo ancora molto distanti sulle nostre priorità”ha detto Fain in una trasmissione in diretta su Facebook rivolgendosi ai 150.000 membri del sindacato. “Siamo pronti a colpire queste aziende in un modo che non hanno mai visto prima”.

Fain ha detto che la decisione finale sugli stabilimenti da cui cominciare sarà presa poco prima di annunciare lo sciopero. Così i produttori avranno poche possibilità per fronteggiare le perdite di produzione. UAW non firmerà una proroga del contratto attuale, quindi i lavoratori delle fabbriche che non scioperano lavoreranno in base ad accordi scaduti.

“E’ in gioco il futuro della nostro industria” ha dichiarato via email il Ceo della Ford Jim Farley dopo il discorso di Fain. “Facciamo tutto il possibile per evitare un risultato disastroso”.

“Siamo qui e siamo pronti a raggiungere un accordo”, ha detto Farley. “Dovremmo cercare soluzioni creative per risolvere problemi difficili piuttosto che pianificare scioperi ed eventi di pubbliche relazioni”.

GM ha dichiarato di aver presentato a UAW “offerte convincenti”, tra cui aumenti salariali garantiti e un percorso più breve verso la fascia salariale più alta, e sta continuando a negoziare fiduciosamente, secondo un portavoce della casa automobilistica.

Stellantis non ha voluto rilasciare commenti.

Le questioni economiche

UAW e le tre case automobilistiche stanno ancora negoziando su alcuni punti chiave dal punto di vista economico, tra cui aumenti salariali, adeguamenti al costo della vita – negli Stati Uniti è chiamato COLA (Cost of Life Adjustment) – oltre che pensioni per i lavoratori assunti da meno tempo e sicurezza del lavoro in determinate fabbriche. Sia il sindacato che le aziende hanno modificato le loro offerte cercando di raggiungere un accordo, ma ancora non sono pienamente allineati.

Il sindacato ha abbassato la sua domanda di aumento salariale dal 40% (che sale al 46% con la capitalizzazione) al 36%. Ford aveva offerto di ripristinare il COLA per la prima volta in 14 anni, ma Fain ha risposto che la proposta non era abbastanza buona. Tuttavia, le dichiarazioni dimostrano che entrambe le parti stanno modificando le loro offerte iniziali.

Fain ha fatto sapere che il sindacato ha proposto 90 giorni per l’aumento del tasso di retribuzione e per il ripristino delle pensioni e dell’assistenza sanitaria per tutti i lavoratori. Ha detto che le tre società hanno concordato di ridurre a quattro anni il percorso per la piena retribuzione. Tutti e tre hanno respinto le proposte relative alle pensioni e all’assistenza sanitaria per i pensionati per i lavoratori assunti dopo il 2007.

Quanto al salario, Fain ha detto che Ford ha proposto un aumento del 20% in quattro anni, mentre GM ha offerto il 18% e Stellantis il 17.5%.

Ha anche detto che tutte e tre le aziende hanno proposto diversi programmi di adeguamento dei salari al costo della vita ma nessuno era soddisfacente. Ha aggiunto che le tre società stanno cercando di tagliare la partecipazione agli utili. Ford avrebbe riconosciuto il 21% in meno per l’anno scorso, mentre GM avrebbe ridotto il pagamento del 29%.

Il presidente del sindacato ha anche lamentato il fatto che Stellantis rivendica il diritto di chiudere e vendere 18 strutture negli Stati Uniti.

“Sono tranquillo rispetto alla decisione di scioperare se necessario perché so che siamo dalla parte giusta di questa battaglia”, ha concluso Fain. “È una battaglia della classe operaia contro i ricchi”.

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.