GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Barcellona, pistole ad acqua sui turisti: i residenti dicono basta al turismo di massa

In una protesta che mescola capriccio e frustrazione, sabato migliaia di abitanti di Barcellona si sono rivolti contro il turismo di massa. Erano armati di un’arma improbabile: la pistola ad acqua. La Rambla si è trasformata in un parco acquatico improvvisato quando i manifestanti hanno iniziato a sparare con le pistole ad acqua contro ignari turisti che si godevano il pranzo all’aperto. 

Un video della CNN mostra una coppia di ragazzi che si allontana zoppicando da un attacco con pistole ad acqua, con il gelato ancora in mano. Un’altra donna, con i capelli fradici, si è allontanata goffamente dal fuoco di sbarramento mentre i manifestanti urlavano a lei e ai suoi coetanei turisti di “tornare a casa“. 

Se i metodi di protesta possono essere leggeri, non lo sono i sentimenti dei manifestanti. L’Assemblea de Barris pel Decreixement Turístic (ABDT), che ha organizzato la protesta (ma ha dichiarato a Fortune che le pistole ad acqua erano spontanee), sostiene che i cittadini “soffrono direttamente” dell’afflusso record di turisti che visitano la città ogni anno. 

Nel 2023, 23 milioni di visitatori hanno pernottato a Barcellona, spendendo 12,75 mld di euro (13,8 mld di dollari), pari a circa il 15% delle entrate della città, secondo il Comune di Barcellona. Tuttavia, l’ABDT sostiene che il cittadino medio non gode di questi profitti e deve invece far fronte a un’impennata dei costi degli alloggi, a un lavoro precario e a una qualità di vita inferiore. 

Costi delle abitazioni

I prezzi degli affitti sono aumentati nella città spagnola del 68% negli ultimi dieci anni, mentre il costo dell’acquisto di una casa è aumentato del 38%, secondo Jaume Collboni, sindaco di Barcellona. Lui e altri funzionari del comune incolpano l’esplosione del mercato degli affitti a breve termine per aver fatto lievitare i costi. 

Il mese scorso, durante una conferenza stampa del consiglio comunale, Collboni ha rivelato che gli affitti a breve termine in stile Airbnb saranno banditi dalla città entro il novembre 2028. La mossa renderebbe disponibili circa 10.101 appartamenti per affitti a lungo termine. 

“Stiamo affrontando quello che riteniamo essere il problema principale di Barcellona”, ha dichiarato Collboni durante l’evento. Ha aggiunto che la crisi dell’accessibilità abitativa ha colpito soprattutto i giovani ed è diventata uno dei principali fattori di disuguaglianza in città. 

Anche il sindaco che è stato in carica negli otto anni precedenti a Collboni, Ada Colau, che prima di assumere l’incarico aveva un passato di attivismo di sinistra, ha adottato una serie di misure per limitare gli affitti a breve termine. Queste politiche includono la limitazione del numero di letti d’albergo consentiti in città, il divieto di costruire nuovi hotel nel centro storico e l’obbligo per i proprietari che vogliono affittare i loro appartamenti su Airbnb di ottenere una licenza turistica attraverso il municipio. 

“Barcellona ha cercato di introdurre una strategia coraggiosa”, ha dichiarato alla rivista online Reasons to be Cheerful Anna Torres-Delgado, ricercatrice ed esperta di turismo a Barcellona presso l’Università del Surrey. “Per certi versi è stata utile e ha funzionato bene nel centro storico”.

Tuttavia, i manifestanti sostengono che queste politiche non sono sufficienti. Un portavoce dell’ABDT ha dichiarato a Fortune che le politiche di Collboni mirano solo a passare dagli affitti di appartamenti agli hotel, che sono “ugualmente costruiti su edifici residenziali, quindi il problema rimane”.  Il portavoce ha anche accusato Collboni di cercare di avvantaggiare gli hotel, che sono “storicamente legati” al Partito Socialista di Catalogna del sindaco. 

Isolamento da pandemia

Durante la pandemia Covid-19, la città ha sofferto per il calo dei visitatori. Bar, negozi e ristoranti hanno chiuso i battenti perché uno dei settori principali dell’economia – il turismo – è andato in crisi, facendo nascere il dibattito sulla necessità di diversificare l’economia della città. 

Questa è una parte dell’argomentazione dell’ABDT. Il portavoce del gruppo ha dichiarato che la pandemia è stata “molto più dura” per i quartieri turistici di Barcellona e che la specializzazione nel turismo rende la città estremamente vulnerabile a molteplici problemi, come “pandemie, cambiamenti geopolitici, terrorismo, tendenze turistiche e così via”. Tuttavia, la quiete ha offerto ai residenti l’opportunità di riscoprire la propria città. 

“Non vogliamo che la vita sia come durante la pandemia, ma quel periodo ci ha anche dato la possibilità di vedere che ci sono altre possibilità senza il turismo di massa”, ha detto al Guardian Martí Cusó, che vive nel Quartiere Gotico, la zona turistica più frequentata di Barcellona. “Il mio quartiere è così saturo di turisti che è impossibile incontrare qualcuno per strada, far giocare i bambini o persino dormire bene”, afferma, aggiungendo che la pandemia ha rappresentato un’occasione “mancata” per ripensare la città. 

La maggior parte dei residenti, tuttavia, ha una visione positiva del turismo, secondo il rapporto del Comune “Percezione del turismo a Barcellona 2023”. Circa il 70,9% delle persone ritiene che il turismo sia vantaggioso per la città, con un aumento del 4% rispetto al 2022. Tuttavia, anche coloro che riconoscono che il turismo è essenziale per l’economia di Barcellona sono stati disillusi dall’afflusso di viaggiatori, secondo il rapporto. “Sempre più persone ritengono che Barcellona abbia raggiunto il limite della sua capacità turistica“, si legge nel rapporto.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.