GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Google, emissioni aumentate del 50% a causa dell’intelligenza artificiale

sundar pichai google alphabet

Dopo 17 anni, stando al suo ultimo rapporto ambientale, Google ha abbandonato la promessa di essere neutrale dal punto di vista delle emissioni a causa dell’aumento delle stesse dovuto alla ricerca per l’intelligenza artificiale.
Dal 2007, Google ha dichiarato di acquistare una quantità di energia pulita sufficiente a compensare la maggior parte delle emissioni generate dai suoi centri dati e dai suoi edifici. Tuttavia, dal 2023, Google non ha più “mantenuto la neutralità operativa delle emissioni di carbonio”, sempre secondo il rapporto. Questo perché le emissioni di gas serra di Google sono aumentate di quasi il 50% dal 2019, ha dichiarato l’azienda, che ha attribuito questo aumento alla “crescente domanda di energia dovuta alla maggiore intensità di calcolo dell’IA”, oltre che alle emissioni associate ai più ampi investimenti infrastrutturali che l’IA richiede. 

Nei prossimi anni, Google investirà quasi 100 miliardi di dollari nell’IA, ha dichiarato Demis Hassabis, amministratore delegato di Google DeepMind, il laboratorio di sviluppo dell’IA dell’azienda. Finora, i risultati più visibili di questo investimento sono le panoramiche IA dell’azienda nella ricerca e Gemini di Google, un modello linguistico di grandi dimensioni che può essere utilizzato per alimentare vari strumenti IA, progettato per competere con ChatGPT di OpenAI. 

Questo investimento, tuttavia, ha un costo, di cui l’ambiente si fa carico, come ha dichiarato a Fortune Nathan Truitt, vicepresidente esecutivo dei finanziamenti per il clima presso l’organizzazione no-profit American Forest Foundation.

“A livello individuale, l’IA creerà sicuramente un rapido aumento delle emissioni per le aziende che vi investono pesantemente”, ha detto Truitt. “E porterà al tipo di annuncio fatto da Google, che dovrà ricalibrare i propri obiettivi climatici”.

Zero emissioni nette vs neutralità carbonica

L’annuncio non significa che Google abbia rinunciato completamente a ridurre le proprie emissioni. Piuttosto, nel rapporto, l’azienda ha fissato un altro obiettivo: raggiungere lo zero nelle emissioni nette entro il 2030. 

C’è una distinzione fondamentale tra l’obiettivo di neutralità delle emissioni di carbonio e l’obiettivo di emissioni nette a zero. La neutralità di carbonio si riferisce alla compensazione o alla neutralizzazione delle emissioni attraverso attività di rimozione del carbonio come piantare alberi o acquistare crediti di carbonio, senza necessariamente ridurre le emissioni alla fonte. Truitt ha usato la metafora di una persona che cerca di bruciare le calorie in eccesso solo attraverso l’esercizio fisico, senza modificare la propria dieta. “In teoria sarebbe perfetto, ma in pratica è molto improbabile che funzioni”, ha detto Truitt.

L’azzeramento netto, invece, prevede prima la riduzione delle emissioni il più possibile alla fonte (la parte “dieta”) e poi la compensazione delle emissioni rimanenti attraverso attività di rimozione del carbonio (la parte “esercizio”). 

Truitt ha notato che questa combinazione è “molto più efficace”, ma anche estremamente ambiziosa. 

“Richiederà di risolvere molteplici e spinose sfide tecniche, logistiche, economiche e finanziarie, tutte insieme, in un periodo di tempo molto breve”, ha detto Truitt.

Secondo il rapporto, concentrandosi sia sulla compensazione delle emissioni di carbonio che sulla riduzione dei gas serra, Google spera di avere un impatto ambientale più “certo” e “scalabile”. 

L’obiettivo di azzerare le emissioni potrebbe anche aiutare Google a eludere le critiche che alcuni esperti hanno rivolto alle affermazioni sulla neutralità delle emissioni di carbonio. I critici hanno messo in dubbio che investimenti a basso costo, come pagare i villaggi per proteggere le foreste o piantare qualche migliaio di alberi, possano davvero “compensare” le emissioni di carbonio.

Nonostante le critiche, Truitt non vuole che le organizzazioni o i gruppi di difesa siano troppo severi con le aziende che dichiarano la neutralità delle emissioni di carbonio. È più difficile e più rischioso cercare di fare qualcosa per l’ambiente, piuttosto che non fare nulla; non dovremmo punire le aziende che cercano di fare qualcosa, ha sostenuto Truitt.

“Le aziende dovrebbero essere ricompensate e poter fare dichiarazioni sull’uso di compensazioni di carbonio per affrontare le loro emissioni”, ha detto Truitt. 

Tuttavia, ha aggiunto che spera che le società smettano di considerare la politica climatica come un’azione transazionale e assumano un ruolo di leadership. 

“Se un’azienda fa tutto bene, in termini di politiche specifiche di contabilizzazione delle emissioni di carbonio, ma non usa tutto questo per capire come essere parte della soluzione in termini di riforma sistemica, in ultima analisi, penso che dovremmo giudicare le sue politiche climatiche come un fallimento”, ha detto Truitt. 

Questa storia è stata originariamente pubblicata su Fortune.com

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.