fbpx

Primi sei mesi ancora in crescita per Terna

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Primi sei mesi ancora in crescita per Terna. L’utile netto di gruppo del periodo si attesta a 360,2 milioni di euro, in crescita di 8,9 milioni di euro rispetto ai 351,3 del primo semestre del 2017 (+2,5%). Salgono anche i ricavi, pari a 1.080,3 milioni di euro, che registrano un aumento di 34,8 milioni di euro (+3,3%) rispetto al corrispondente periodo del 2017. “I principali indicatori economico-finanziari del semestre confermano la solidità delle azioni manageriali intraprese e ci consentono di proseguire con decisione nel percorso tracciato dal Piano Strategico 2018-2022″, commenta Luigi Ferraris, amministratore delegato e direttore generale di Terna. “Procede nei tempi previsti anche il programma di investimenti che, grazie alle iniziative poste in essere anche per i prossimi mesi, contribuiranno a creare valore per tutti i nostri stakeholder”, assicura l’Ad.

L’Ebitda (Margine Operativo Lordo) del periodo si attesta a 814,9 milioni di euro, in crescita di 20,1 milioni di euro (+2,5%) rispetto ai 794,8 milioni di euro del primo semestre 2017. L’Ebit (Risultato Operativo) del periodo, a valle di ammortamenti e svalutazioni pari a 267,4 milioni di euro, si attesta a 547,5 milioni di euro, rispetto ai 534 milioni di euro dei primi sei mesi del 2017 (+2,5%). Gli oneri finanziari netti del periodo, pari a 42,7 milioni di euro, si confrontano con i 39,6 milioni di euro del primo semestre 2017 (+3,1 milioni di euro). Tale incremento è dovuto principalmente agli interessi sul maggior debito lordo.

Il risultato ante imposte si attesta a 504,8 milioni di euro, in aumento di 10,4 milioni di euro rispetto al primo semestre 2017 (+2,1%). Le imposte del periodo sono pari a 142,7 milioni di euro e si riducono di 1,2 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo del 2017 (-0,8%), principalmente per la rilevazione di proventi non ricorrenti fiscalmente non rilevanti generati nel periodo.

La situazione patrimoniale consolidata al 30 giugno 2018 registra un patrimonio netto di Gruppo pari a 3.842,8 milioni di euro, a fronte dei 3.803,3 milioni di euro al 31 dicembre 2017.

L’indebitamento finanziario netto si attesta a 7.895,5 milioni di euro, rispetto ai 7.796,4 milioni di euro al 31 dicembre 2017.