fbpx

Di Maio: attingere dal deficit per mantenere le promesse

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Non ci sarà nessuna “manovra distruttiva”, ma non si possono “aspettare 2 o 3 anni per mantenere le promesse”. Ed è per questo che Luigi di Maio è convinto che si debba attingere “un po’ di deficit per far rientrare il debito l’anno dopo o tra 2 anni”. Perché l’obiettivo della legge di bilancio non è “rassicurare i mercati”, ma “migliorare la vita dei cittadini”. Un obiettivo confermato anche dal premier Giuseppe Conte, che ha rassicurato i capigruppo M5s sulla presenza del reddito di cittadinanza nella manovra.

Le priorità infatti sono sempre tre, come ha detto il Vicepremier, attualmente in missione in Cina: “flat tax, reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero. Le metteremo nella legge di Bilancio: sì”. Gli italiani, secondo Di Maio, “ci chiedono di superare la legge Fornero, abbassare la tassazione che è diventata insostenibile e di reinserire lavorativamente chi ha perso il lavoro o non lo ha mai avuto”. E i soldi per farlo “ci sono. Bisogna modulare il deficit per soddisfare i bisogni degli italiani. E’ un lavoro che stiamo facendo”. Mandare “fuori giri” i conti statali, infatti, è fuori discussione: secondo Di Maio con la manovra “non si sfora il 3%”.

Un deficit che il Ministro dell’economia Giovanni Tria vorrebbe mantenere al 1,6%: “vorrebbe dire non fare quasi niente, a meno che non si facciano solo tagli”, ha detto su Radio Capital la viceministra dell’economia Laura Castelli. “Non posso parlare di numeri, i mercati ci stanno osservando e questi sono numeri delicati”, ha detto Castelli, assicurando però che “si farà gran parte del contratto di governo e ci sarà spazio per gli investimenti”. E, soprattutto, ci sarà spazio per il reddito di cittadinanza: “Dal primo di gennaio partiremo con la parte più facile, cioè l’aumento delle pensioni minime a 780 euro. Poi, attivando una serie riforma dei centri per l’impiego, dopo qualche mese, presumo quattro mesi almeno, si partirà con il resto del reddito di cittadinanza”.

Ovvero a ridosso delle elezioni europee, proprio come gli 80 euro di Matteo Renzi, introdotti dall’ex primo ministro prima delle Europee 2014: “quelli erano una marchetta elettorale che non produceva consumi”, ha detto Castelli. Spazio anche alla flat tax, fortemente voluta dalla Lega: “Sulla riduzione della tassazione delle piccole e medie imprese e del carico fiscale dell’Irpef c’è grande convergenza. La parte dei professionisti non è neanche così costosa”, afferma la viceministra, che conferma il “superamento della Fornero” ma non la Quota 100. Accordo con la Lega anche sulla pace fiscale: “È necessario sfoltire i crediti che lo stato non incasserà mai”, dice Castelli, che però non parla di soglie: “100mila euro o un milione? La scelta più congrua è una cifra che non crei l’effetto perverso per cui un cittadino decide di non pagare sperando nello stralcio del debito”.

Leggi anche