WBF

Tria sotto assedio, Lega: se non è nel progetto, cambiamo

Aboca banner articolo

Lega e Cinquestelle vogliono risorse per le loro misure di bandiera. E per ottenerle è necessario portare il deficit ben oltre la soglia, l’1,6%, indicata dal ministro dell’Economia Giovanni Tria. Il tempo è finito e ora il titolare di via XX Settembre è stretto nell’assedio dei suoi interlocutori politici. “Se Tria non è più nel progetto, troveremo un altro Ministro dell’Economia“, sintetizza Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, ospite di Agorà, Rai Tre.

“Non c’è in programma nessuna richiesta di dimissioni” del ministro dell’economia Giovanni Tria, dice il vicepremier Luigi Di Maio a Bruxelles che però poi mette a fuoco e precisa che “le cose si fanno o non si fanno. Non ho intenzione di tirare a campare, è inutile portare avanti questo governo per tirare a campare”. La tensione r<dunque resta altissima. Oggi pomeriggio è previsto il Cdm per il via libera alla nota di aggiornamento al Def, il documento che deve indicare proprio il dato del deficit programmatico e questa mattina il preconsiglio.

D’accordo con lo sforamento oltre il 2% anche l’altro vicepremier, Matteo Salvini, che da Tunisi fa sapere: “La vita e la felicità di milioni di italiani possono val bene qualche numerino”.

Nel frattempo alle 16 è in programma un vertice di governo sulla manovra alla presenza del premier Giuseppe Conte, dei due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio e del ministro Giovanni Tria. Lo si apprende da fonti governative. Al momento è confermata la riunione del Consiglio dei Ministri delle 20.

 

 

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.