Dieselgate: verso richiamo 100.000 veicoli Opel

Il caso Dieselgate continua. La motorizzazione civile avrebbe deciso di chiedere alla casa automobilistica Opel di ritirare 100.000 auto diesel. Lo ha reso noto il ministero dei trasporti oggi a Berlino. Stamattina erano stati perquisiti dalla polizia i locali commerciali della casa automobilistica Opel, come riferisce l’ufficio di polizia dell’Assia, nell’ambito dell’indagine sulla sospetta frode sulle auto diesel.

Stamattina 33 funzionari di polizia hanno perquisito i locali di Opel a Russelheim e a Kaiserslautern. Sarebbero 95.000 le auto coinvolte nella manipolazione dolosa del software che regola l’emissione dei gas di scarico in tutta Europa nei modelli euro 6: Zafira, Cascada e Insignia. Già in luglio era stato aperto un procedimento contro i tre modelli Opel. “Indaghiamo per il reato di frode nell’immissione sul mercato di auto diesel con software che manipola i valori sull’emissione dei gas di scarico” ha confermato oggi il procuratore, Nadja Niesen, a Handelsblatt.