fbpx

Una piattaforma da Oscar

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Le 13 nominations agli Oscar sono state solo l’ultima ciliegina sulla torta: ‘in città’ non si parla d’altro, è l’argomento del giorno. Nel bene, soprattutto, e nel male, per i concorrenti. Il ‘ciclone Netflix’, o se preferite ‘l’effetto Netflix’, come viene definito, ha investito l’industria cinematografica e le emittenti televisive, l’intero settore dell’audiovideo, trasformando le abitudini dei consumatori nei mercati avanzati. Se ne discute negli Usa e nel Regno Unito, in Francia come in Germania, se ne analizza l’impatto sulle major di Hollywood, sulle reti televisive tradizionali e sulla fruizione dei prodotti video.

 

Nell’articolo sul nostro numero di febbraio un approfondimento sui conti (rosei) del 2018 di Netflix e il loro impatto sul mercato italiano, fino ad arrivare agli investimenti futuri e ai titoli previsti nel 2019. Inoltre una risposta del gigante dell’intrattenimento a chi lo accusa di mettere in crisi le sale: in realtà “espandiamo il mercato cinematografico: mentre le nostre pellicole attraggono platee sempre più ampie il box office statunitense miete record”.

“Quanto all’Italia – racconta la società – siamo solo all’inizio del viaggio. Stiamo scoprendo cosa piace ai nostri abbonati italiani, cosa vogliano vedere. Investiremo sempre di più nell’industria italiana e porteremo nel mondo contenuti prodotti dalle tv italiane”.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di febbraio.