ArcelorMittal: su Ilva nel 2019 investimenti per 400 mln dlr

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Nel 2019 sono previsti 400 mln di dollari di investimento su Ilva: il dato emerge dai conti 2018 e dalle stime 2019 presentate da AlcelorMittal, che per quest’anno stima un capex – spese per acquisto, mantenimento o miglioramento degli investimenti fissi – in rialzo a 4,3 miliardi di dollari (dai 3,3 miliardi del 2018), una cifra che include 400 milioni riportati dallo scorso anno, 400 milioni di impatto dell’Ilva e le voci di progetti ad alto valore in Messico e Brasile. La compagnia stima una domanda di acciaio in “leggera” espansione nel 2019, con consegne in aumento sostenute dalla migliorata performance operativa.

ArcelorMittal ipotizza necessità di cash (tra capex, interessi, cash tax, pensioni e altre voci al netto dello scambio di capitale circolante) in aumento a circa 6,4 miliardi di dollari. Gli interessi sono visti stabili a 600 milioni, mentre cash tax, pensioni e altre voci sono ipotizzati in rialzo a 400 milioni, in prevalenza per gli accordi su tasse rinviati del 2018 e altri fattori non ricorrenti. “Operando in un ambiente di mercato sano, la compagnia ha beneficiato di una performance finanziaria solida, centrando un sostanziale miglioramento della profittabilià. Avendo rafforzato considerevolmente i nostri bilanci negli anni recenti, abbiamo anche ritrovato il nostro rating di ‘investment grade’ sul credito”, ha commentato il numero uno Lakshmi Mittal in merito all’andamento del 2018.

Gli utili operativi dell’anno scorso segnano 6,53 miliardi di dollari (+20,3% annuo) e 1,04 miliardi nel quarto trimestre dell’esercizio appena concluso (-15,6%). L’Ebitda, negli stessi periodi di riferimento, è rispettivamente di 10,26 miliardi (+22,1%) e di 1,95 miliardi (-8,9%), in sostanziale linea com le attese degli analisti. Il colosso dell’acciaio, in una nota, annuncia un risultato netto 2018 di 5,14 miliardi (+12,7% sui 4,56 miliardi del 2017), di cui 1,19 miliardi relativi agli ultimi tre mesi dello scorso anno (1,03 miliardi per pari periodo 2017). Le vendite 2018 si attestano a 76,03 miliardi (da 68,67 miliardi del 2017), di cui 18,32 miliardi nell’ultimo trimestre (da 17,71 miliardi). Il debito lordo al 31 dicembre è di 12,6 miliardi, che è di 10,2 miliardi nella parte netta, meno dei 10,5 di settembre 2018 e stabile sui 10,1 miliardi di dicembre 2017. “Il 2018 è stato per ArcelorMittal un anno di slancio positivo, caratterizzato da un importante progresso strategico e finanziario”, ha commentato il numero uno Lakshmi Mittal.