fbpx

Reddito di cittadinanza, Del Conte: rischio caos nei Cpi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Oggi la macchina del reddito di cittadinanza si mette ufficialmente in moto eppure il complesso meccanismo di questa misura è tutto ancora in costruzione. Partono le prime domande per ottenere il beneficio economico, ma il ‘Decretone’ che contiene tutte le norme è ancora all’esame del Parlamento e tutto quello che riguarda le politiche attive del lavoro – il rafforzamento dei Cpi, la piattaforma informatica che fa incontrare domanda e offerta di lavoro e soprattutto gli ormai famosi ‘navigator’ – esiste solo ed esclusivamente sulla carta. Una carta che non è ancora stata convertita in legge e che quindi potrebbe cambiare da un momento all’altro.

“Dell’operazione navigator nel mondo reale non c’è nulla. Non si sa ancora dove, come e nemmeno in raccordo con chi lavoreranno queste figure professionali. Al momento, non c’è un piano in cui si dica per filo e per segno come si stiano rafforzando i Centri per l’impiego, nulla sulle risorse informatiche in più, nulla sulle infrastrutture”. A dirlo è Maurizio Del Conte, che di politiche attive del lavoro se ne intende visto che fino a pochi giorni fa è stato il presidente dell’Anpal, ente al cui vertice ora siede Mimmo Parisi diventato famoso anche come Mister Mississippi, visto il successo e l’ampia esperienza nel settore che ha accumulato nello stato americano.

Il rischio “caos” nei centri per l’impiego – legato appunto al lavoro straordinario in vista della partenza del reddito e già segnalato dalle regioni in un’audizione di ieri alla Camera dei Deputati – c’è anche secondo Del Conte, che lo motiva proprio col fatto che i navigator non sono ancora operativi, anzi non sono stati proprio nemmeno selezionati.

“È noto che i Cpi soffrono di una carenza strutturale di locali, di carenza informatica e di carenza di personale già per i carichi ordinari, figuriamoci per un’attività straordinaria come questa – ha aggiunto Del Conte – Se aggiungiamo quindi che la platea degli utenti dovrebbe raddoppiare rispetto a quella solita, va da sé che gli operatori attuali non saranno in grado di dare risposte. I centri per l’impiego non sono stati costruiti per un lavoro e un carico del genere”.

A confermare le previsioni di Del Conte arrivano anche i dati di una ricerca dal titolo “Reddito di cittadinanza: siamo pronti?” di Fpa Data Insight, centro studi sulla Pubblica amministrazione di Fpa, società del gruppo Digital360, che ha analizzato tutti i numeri utili per capire quanto e come l’Italia sta investendo per questa misura e cosa fare affinché il sistema non si inceppi.

Secondo questo studio, il sistema pubblico che dovrebbe permettere l’erogazione del reddito oggi non è adeguato a sostenere un simile impegno e “se non sarà potenziato e riorganizzato in breve tempo rischia il collasso”, si legge nella ricerca.

Per gestire al meglio i 20 miliardi di euro che saranno erogati nel triennio alle famiglie in situazione di povertà, “il Paese si prepara a investire complessivamente circa 3,4 miliardi di euro tra il 2019 e il 2021 per potenziare in diversi modi i centri per l’impiego, i servizi sociali dei Comuni, l’Anpal, l’Inps, i Caf e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”, continua il rapporto. Tra queste risorse 1,3 miliardi di euro in particolare saranno destinati a rafforzare i centri per l’impiego, 501 uffici per 8.000 dipendenti, ai quali dalla primavera con il reddito di cittadinanza si rivolgeranno tra 1,3 milioni e 1,7 milioni di famiglie.

Se anche solo una persona per nucleo familiare fosse chiamata a colloquio in un Cpi – sottolinea lo studio – “ciascun operatore dovrebbe seguire complessivamente 521 persone”. Una cifra enorme che con i nuovi investimenti a regime e il rafforzamento previsto per l’organico dei centri per l’impiego potrebbe scendere a 95 destinatari del reddito per ogni operatore, un numero già molto più accettabile.

Altro punto ancora oscuro però è quello della piattaforma che dovrebbe incrociare domanda e offerta di lavoro, governando così il funzionamento del reddito dal lato delle politiche attive. “Sulla piattaforma non ho ancora capito benissimo a cosa si faccia riferimento – ha continuato Del Conte – se si tratta di quella messa in atto nel Mississippi significa ricominciare da zero rispetto a qualcosa è già stato costruito da Inps, Regioni e Cpi”.

Dal 2018, infatti, esiste già una piattaforma su cui vengono caricati i dati di ciascun centro per ogni utente – ha spiegato l’ex presidente dell’Anpal – il punto però non è tanto avere una piattaforma, ma il fatto che la stessa contenga dei dati utili a tutti. Quella che esiste attualmente infatti mette in contatto solo le amministrazioni, mentre le aziende hanno a loro disposizione un altro portale, ‘ClicLavoro’, che però ha un non piccolo difetto: le imprese non sono costrette a pubblicarci le loro offerte di lavoro. Ecco perché il sito funziona poco e ci si trovano davvero poche proposte.

“Il problema è sicuramente culturale, su queste cose le imprese italiane per diversi motivi preferiscono non affidarsi a sistemi così trasparenti. Spesso, preferiscono non fare troppa pubblicità alle loro offerte di lavoro anche per motivi concorrenziali o legati ad eventuali licenziamenti e cause di lavoro. Non sarà quindi facile risolvere con un software tutta una serie molto più ampia di problemi”, ha concluso Del Conte.

Leggi anche