18 Marzo 2019

Rinnovabili, Terna: a febbraio boom eolico e fotovoltaico

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Diminuisce leggermente la domanda di energia elettrica italiana, ma aumenta la quota che riusciamo a soddisfare attraverso le rinnovabili. Nel mese di febbraio 2019, secondo quanto rilevato da Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, la domanda di elettricità in Italia è stata di 25,5 miliardi di kWh, in flessione del 2,2% rispetto allo stesso mese del 2018. L’Italia, in questo mese, è riuscita a soddisfare per gran parte la domanda (85%) con un ruolo fondamentale giocato dalle rinnovabili: la produzione da eolico e fotovoltaico è cresciuta 37,9% e del +57,6%.

L’andamento della domanda di febbraio è a parità di giorni lavorativi (20) ma con una temperatura media mensile superiore di 2°C rispetto a febbraio del 2018. Il dato destagionalizzato e corretto dagli effetti di temperatura e calendario, porta a una variazione della domanda elettrica di febbraio pari a -0,7%.

La domanda del primo bimestre del 2019 è in crescita dell’1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2018. In termini rettificati la variazione è pari a +0,5%. A livello territoriale la variazione tendenziale di febbraio 2019 è risultata ovunque negativa: -2,2% al Nord, -1,7% al Centro e -2,6% al Sud.

In termini congiunturali, il valore destagionalizzato e corretto dagli effetti di calendario e temperatura dell’energia elettrica richiesta a febbraio 2019 ha fatto registrare una variazione negativa (-1,2%) rispetto al mese precedente (gennaio 2019). Questo risultato porta il profilo del trend su un andamento stazionario.

Nel mese di febbraio 2019 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’85% con produzione nazionale e per la quota restante (15%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (21,9 miliardi di kWh) è risultata stazionaria rispetto a febbraio 2018. In forte crescita le fonti di produzione eolica (+37,9%) e fotovoltaica (+57,6%). In diminuzione le fonti di energia idroelettrica (-0,3%), geotermica (-1,6%) e termica (-7,6%).

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.