2 Aprile 2019

Bugno rinuncia a Stm ma M5S insiste: lasci staff Tria

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Claudia Bugno ha deciso di ritirare la disponibilità all’incarico in Stm in quanto designata nel Consiglio dell’Agenzia Spaziale Italiana. Ma resta consigliere del ministro dell’economia Giovanni Tria. Questa puntualizzazione, di fonte Mef, arriva al termine di una giornata in cui si è montato un vero e proprio ‘caso Bugno’. Al centro delle polemiche, sollevate soprattutto dal Movimento Cinquestelle ma raccolte anche dalla Lega, il potenziale conflitto di interesse sugli incarichi.

Una partita che coinvolge direttamente i rapporti del ministro con la sua maggioranza. Come riporta il sito dell’Adnkronos, il passo indietro di Bugno riguardo all’incarico in Stm non basta al M5S. “Deve lasciare lo staff di Tria – dicono fonti di governo M5S – lo influenza negativamente e non si può soprassedere su quanto accaduto: deve essere spostata in un altro ufficio”. La ‘mediazione’  sembra andare invece nella direzione delle richieste avanzate dal premier Giuseppe Conte al responsabile di via XX Settembre. Nel faccia a faccia di ieri, infatti, a quanto si apprende il presidente del Consiglio avrebbe chiesto a Tria un passo indietro di Bugno su Stm e – altra richiesta – di fare in modo che la consigliera del ministro non si occupi più di partecipate, la condizione sine qua non, quest’ultima, per restare nello staff del responsabile dell’Economia.

In un’intervista a La Stampa, del resto, la posizione grillina è stata già esplicitata dal viceministro Laura Castelli: “Sono emerse vicende che sono in contrasto con lo spirito di questo governo. Nessuno può ritagliarsi un potere autonomo che va al di là del controllo del ministro. Da quello che so – ha sostenuto Castelli – la consigliera Bugno ha portato avanti per mesi posizioni molto personali, non coordinate con il resto del governo. In maniera non trasparente e disordinata. Proprio stamattina (ieri, ndr) ho avuto modo di affrontare la questione con il ministro”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.