fbpx

Piano energia e clima troppo timido, innova solo Milano

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Non bastano gli allarmi degli scienziati dell’IPCC, l’Intergovernmental Panel on Climate Change dell’Onu, e nemmeno la nascita di una stella globale che si batte contro il cambiamento climatico come la giovanissima Greta Thunberg: “Il Piano Nazionale Energia e Clima presentato dal Governo è troppo timido e insufficiente anche per i trasporti”, non permette diraggiungere gli obiettivi di riduzione dei gas serra del 33% al 2030 e la decarbonizzazione al 2050.

La qualità dell’aria nelle 14 città metropolitane italiane nel biennio 2017-2018 è lievemente migliorato ma gli sforamenti dei limiti normativi continuano e la mobilità sostenibile urbana non registra grossi passi avanti nonostante aumentino gli spostamenti a piedi e in bicicletta. Anzi il numero di auto e moto non smette di crescere. Torino è maglia nera d’Italia nel 2018 per la qualità dell’aria, Milano conferma la sua capacità di innovazione collocandosi al primo posto per il tasso di mobilità sostenibile, con il 48,3%.

Sono queste, in sintesi, le poco confortanti conclusioni di “MobilitAria 2019”, il report del Kyoto Club e dell’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IIA), in collaborazione con l’Osservatorio sulle Politiche per la Mobilità Urbana Sostenibile di Isfort, presentato nei giorni scorsi a Roma che analizza la situazione di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino e Venezia.

Analizzando la qualità dell’aria lo studio rileva che le concentrazioni medie di PM10 in diverse città hanno superato i limiti giornalieri ben oltre gli sforamenti concessi dalle normative UE (35 giorni l’anno): Torino è la peggiore con 89 giorni, seguita da Milano con 79, Venezia con 63, Cagliari con 49 e Napoli con 40. Se, invece, consideriamo il biossido di azoto (NO2), il superamento dei valori si registra a Torino, Milano, Roma, Reggio Calabria e Catania.

Per contenere l’inquinamento Palermo ha consolidato la Zona a Traffico Limitato (ZTL), Firenze ha annunciato la novità della Ztl estiva e Milano l’Area B, i due terzi della città dove saranno progressivamente eliminate le auto più inquinanti. Ad ottobre 2018 sono entrati in funzione i blocchi del traffico nelle città del bacino padano sulle base dell’accordo sottoscritto tra le Regioni Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Piemonte con il Ministero dell’Ambiente. Stabili nel biennio le aree pedonali e le piste ciclabili.

L’uso del trasporto pubblico locale – bus, metro e tram è aumentato a Bologna (+18%), Torino (+12%) e Cagliari (+9%)mentre Catania è ultima con un calo del 10%. La sharing mobility(l’uso condiviso dell’auto) cresce a Milano, Torino, Firenze, Roma, Palermo e Cagliari, sbarca a Bologna per la prima volta ma nelle altre città non decolla. Ma il dato veramente negativo e che non ci si aspetta arriva dall’indice di motorizzazione: dopo anni dicostante diminuzione è tornato a salire, sia nelle aree metropolitane che nelle città. Torino è la peggiore (+5%, 674 veicoli/1000 abitanti) seguita da Bologna (+3%, 531 veicoli/1000 abitanti).

“In questi anni c’è stato un lieve miglioramento della qualità dell’aria ma le città e le Regioni italiane sono troppo lente nelle azioni da intraprendere per affrontare traffico e congestione. Bisogna investire di più”, questo il commento di Anna Donati, coordinatrice del gruppo di lavoro sulla mobilità sostenibile delKyoto Club e di Francesco Petracchini, ricercatore del CNR-IIA.

Il report propone anche dati inediti dell’Osservatorio OPMUS-Isfort sulle caratteristiche della mobilità 2016-2017 e qui qualche buona notizia c’è: la mobilità a piedi e in bicicletta fa un balzo in avanti, il mezzo pubblico tiene e si riduce l’uso dell’auto, benché con oltre il 50% degli spostamenti resti il mezzo preferito dei cittadini metropolitani. OPMUS-Isfort introduce un nuovo indicatore, il tasso di mobilità sostenibile, che somma gli spostamenti a piedi, in bicicletta e con il mezzo pubblico, quelli a minor impatto ambientale. Tasso che non supera il 40% sia nella media delle città metropolitane che in quella nazionale, pur essendo cresciuto di quasi 5,5 punti nelle prime e di 8 punti nelle seconde.

A svettare su tutte è Milano, con il 48,3%, seguita da Genova con il 46,7%, Venezia con il 46,4% e Bari con il 44,1%. In fondo alla classifica Catania, Reggio Calabria e Messina. “Le città metropolitane del Nord, a cui si aggiunge Firenze – commenta Carlo Carminucci, direttore della ricerca di Isfort – si stanno muovendo verso un’organizzazione più sostenibile del trasporto mentre quelle del Sud, più Roma, appaiono in ritardo”

Leggi anche