CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Bnp Paribas, 1,9 mld di utili nel primo trimestre

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Con un incremento del 22,4% rispetto allo stesso periodo del 2018, Bnp Paribas ha archiviato il primo trimestre di quest’anno con un utile netto di gruppo pari a 1,918 miliardi di euro. Nel periodo in esame l’attività della banca è in aumento nelle tre divisioni operative e, nonostante il rallentamento, la crescita economica in Europa resta positiva.

Risultati che, secondo l’amministratore delegato Jean-Laurent Bonnafé, sono “di buon livello: i ricavi sono in aumento, grazie alla progressione dell’attività nelle divisioni operative, in particolare con una ripresa dell’attività della clientela di CIB. I costi di gestione sono ben contenuti e beneficiano di misure di efficientamento che permettono di generare un effetto forbice positivo. Come testimoniato dal Common Equity Tier 1 ratio, pari all’11,7%, il bilancio del Gruppo è molto solido”

Il margine di intermediazione è risultato di 11.144 milioni, in progresso del 3,2% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente (+3,9% a perimetro e tassi di cambio costanti). L’utile lordo del periodo è stato di 2.683 milioni in crescita del 18,9% mentre il tasso medio di imposizione sugli utili si attesta al 23,3%, grazie in particolare – mette in evidenza il gruppo francese nella nota che accompagna i conti – alla debole tassazione sulla plusvalenza da cessione a lungo termine di SBI Life. Al 31 marzo L’indice CET1 è all’11,7% (-10 pb rispetto al 31 dicembre 2018 a causa dell’impatto della nuova norma contabile IFRS 16 e del rinvio ai prossimi trimestri delle cartolarizzazioni previste in questo trimestre, informa la banca) e il leverage ratio2 si attesta al 4,2%. Le riserve di liquidità immediatamente disponibili ammontano a 335 miliardi di euro, equivalenti – si legge nella nota – ad oltre un anno di margine di manovra rispetto alle risorse di mercato. L’attivo netto contabile per azione è pari a 76,7 euro, con un tasso di crescita media su base annua del 5,2% dal 31 dicembre 2008, “ad illustrazione della continua creazione di valore attraverso il ciclo”.

Nel periodo in considerazione i conti di Bnl, la controllata italiana di Bnp Paribas, vedono gli impieghi stabili (+0,1%) e un margine di intermediazione in calo rispetto al primo trimestre 2018 a 675 milioni di euro. Il margine di interesse è in diminuzione del 3,8%, a causa – precisa la banca – “del persistere di un contesto di tassi bassi e del riposizionamento su una clientela con un miglior profilo di rischio”. Il risultato lordo di gestione si posiziona a 205 milioni con un calo di poco meno del 12% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Il costo del rischio, pari a 165 milioni di euro – spiega la banca – si conferma in calo ma diminuisce solo di 4 milioni rispetto al primo trimestre 2018, tenuto conto del deterioramento di un dossier specifico nel trimestre. Con 85 punti base in rapporto agli impieghi a clientela, Bnl “conferma il suo obiettivo di un costo del rischio di circa 50 punti base nel 2020”.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.