fbpx

Fineco giù in borsa dopo ‘disimpegno’ di Unicredit

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La Borsa non premia il disimpegno di Unicredit nei confronti di FinecoBank che cala in Borsa dello 0,7%. Sono state approvate questa mattina “una serie di azioni e procedure” che pongono le basi per la piena indipendenza della banca multicanale e che consentono a “UniCredit di cogliere qualsiasi opportunità di mercato, anche nel breve termine, in relazione alla sua quota”.

L’accordo prevede la concessione da parte di UniCredit di una garanzia finanziaria a favore di Fineco al fine di neutralizzare l’esposizione al rischio di credito della controllata fino alla scadenza naturale delle obbligazioni di UniCredit nel 2024. Alla data di ieri, Fineco deteneva circa 8,3 mld di euro di obbligazioni UniCredit. Dal punto di vista del capitale regolamentare, l’attuale esposizione di Fineco nei confronti di UniCredit è pari a zero, essendo parte dello stesso gruppo. Le garanzie sono concesse al fine di mantenere sostanzialmente inalterata l’attuale esposizione regolamentare in caso di potenziale uscita futura di Unicredit da Fineco.

UniCredit e Fineco mantengono inoltre in vigore l’attuale contratto di licenza del marchio. L’intesa include anche l’opzione per Fineco di acquistare il marchio in futuro, sulla base di una serie di finestre di esercizio dell’opzione di acquisto stabilite fino al 2032. Il Consiglio di UniCredit si è inoltre impegnato, in caso di eventuale futura uscita di Fineco dal gruppo, a rinunciare a qualsiasi diritto amministrativo – relativo all’eventuale quota residua detenuta in Fineco – a nominare o revocare il board. Tutta l’operazione non prevede impatti significativi sulla redditività né sui coefficienti di adeguatezza patrimoniale di Fineco.

Leggi anche