fbpx

Patuano lascia Edizione: la holding dei Benetton senza Ad

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Marcella Merlo – È divorzio fra Marco Patuano e i Benetton. L’amministratore delegato di Edizione lascia la holding, cui fanno capo tra l’altro Atlantia e Autogrill, e non sarà sostituito. La nota ufficiale segnala che il Cda di Edizione ha preso atto della decisione del manager di risolvere anticipatamente il rapporto che lo lega alla società restando in carica fino all’assemblea del 24 giugno sul bilancio 2018, dove l’intero consiglio va in scadenza.

La decisione di non riconfermare Patuano, nei fatti ‘dimissionato’ con un’adeguata buonuscita, risulta essere stata condivisa dai quattro rami della famiglia e a preannunciarla ci ha pensato domenica Luciano Benetton in un’intervista. “Dopo circa due anni e mezzo di impegno proficuo e di grande soddisfazione,considero di aver portato a termine il mandato ricevuto da Gilberto Benetton nel gennaio 2017 – afferma Patuano nel comunicato sul suo ritiro – In questo periodo, in un contesto di piena condivisione strategica, abbiamo investito in modo molto profittevole circa 2,5 miliardi di euro”.

Ci si attende ora che il manager ex Telecom lasci anche i board di Atlantia e Autogrill e, un po’ più a malincuore, la presidenza di Cellnex, società delle torri di tlc. Secondo uno schema già visto nel 2012-2017, ma in un contesto ben diverso quando ad avere in mano le redini del gruppo c’era lo scomparso Gilberto Benetton, Edizione rimarrà senza Ad e avrà ancora, salvo sorprese, come presidente Fabio Cerchiai, il quale gode della fiducia della famiglia ed è stato di recente riconfermato al vertice di Atlantia, con Carlo Bertazzo che rimarrà direttore generale della holding. Sarà tramite il Cda, oggi composto da otto componenti in larga parte da riconfermare all’assemblea, che i quattro cugini Alessandro, Christian, Sabrina Benetton e Franca Bertagnin Benetton intendono fare gli azionisti a tutto tondo all’insegna della collegialità.