fbpx

3 Giugno 2019

Fca-Renault: la Francia vuole più garanzie. Conte: non orienti l’operazione

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ulteriori garanzie. Questo è ciò che la Francia ha chiesto a Fca per portare avanti l’operazione di fusione con Renault. Lo scopo è quello di evitare tagli occupazionali e difendere l’interesse nazionale, tra cui il quartier generale operativo del nuovo gruppo a Parigi, un dividendo straordinario per gli azionisti di Renault e un posto al governo in Cda. Lo conferma a Bloomberg un portavoce del ministro delle Finanze, Bruno Le Maire, che ha incontrato nel weekend a Parigi il presidente di Fca John Elkann. “È una vicenda che seguo con molta attenzione” e “spetta al governo avere premura per i livelli occupazionali” ma non “orientare l’operazione”, ha commentato il premier Giuseppe Conte a margine di un evento a Roma.

A intervenire è anche Nissan, che vuole salvaguardare i suoi interessi: quella di Fca e Renault “è una fusione completa che, se realizzata, altererebbe significativamente la struttura del nostro partner Renault. Ciò richiederebbe una revisione fondamentale della relazione esistente tra Nissan e Renault”, precisa in una dichiarazione il ceo di Nissan, Hiroto Saikawa. “Dal punto di vista della protezione degli interessi di Nissan, Nissan analizzerà e prenderà in considerazione i suoi rapporti contrattuali esistenti e il modo in cui dovremmo operare in futuro”.

Saikawa ha aggiunto che la proposta della Fca alla Renault, già partner della casa auto nipponica e dell’alleata Mitsubishi Motors, rappresenterebbe vantaggi per l’intera entità. “Credo che la potenziale aggiunta di Fca come nuovo membro dell’Alleanza potrebbe ampliare il campo di gioco per la collaborazione e creare nuove opportunità per ulteriori sinergie”, ha detto il numero uno di Nissan. Domani il Cda di Renault si riunirà per decidere e dare una risposta alla proposta di Fca. La casa transalpina controlla il 43% della Nissan, mentre quest’ultima possiede appena il 15% dell’alleato francese, ma senza diritti di voto. Nel 2018 il costruttore giapponese ha venduto 5,65 milioni di vetture, contro i 3,88 milioni di Renault, ma la redditività è in calo, e per a prima volta in dieci anni ha registrato una flessione dell’utile operativo.

E dopo il meeting venerdì e sabato Le MaireElkann, domenica è stato il turno del presidente di Renault Jean-Dominique Senard. Le richieste della Francia sono oggetto di valutazione da parte del gruppo italo americano che sembrerebbe essere disponibile solo a piccoli ritocchi al suo piano. Le Maire avrebbe chiesto anche rassicurazioni sul mandato di Senard, che è stato indicato come possibile amministratore delegato del gruppo post-fusione. Gli incontri precedono il cda di Renault che martedì dovrà dare una risposta alla proposta di fusione avanzata da Fca.

Immediata la reazione in Borsa, con un testacoda di Fca e Renault. Il costruttore d’Oltralpe sale dell’1,9%, in controtendenza rispetto a un comparto auto debole (-0,6% l’indice Stoxx di settore), dove Fca è fanalino di coda e cede l’1,7% a 11,23 euro.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.