9 Luglio 2019

Chi è Jeffrey Epstein?

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Terry Collins – Chi è il multimilionario amministratore di hedge fund Jeffrey Epstein? Il sessantaseienne è stato incriminato lunedì a New York con l’accusa di aver organizzato un circolo dedicato allo sfruttamento sessuale nella sua lussuosa residenza nell’Upper East Side e in una casa a Palm Beach, in Florida. Ci sono ancora molti punti oscuri nella storia del finanziere: non si sa bene come abbia costruito la sua fortuna, e come sia stato in grado di essere influente per così tanto tempo.

Nell’ultimo capitolo, in ordine di tempo, della sua saga, Epstein è stato accusato di gestire un traffico sessuale e di aver pagato ragazze di 14 anni per compiere atti sessuali dal 2002 al 2005. Le condanne hanno una pena detentiva massima di 45 anni in caso di condanna, ha detto lunedì Geoffrey Berman, procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. I pubblici ministeri hanno chiesto al giudice di negare la cauzione perché la ricchezza di Epstein lo rende un rischio di fuga. L’udienza per la cauzione è fissata per il 15 luglio.

epa07704663 Una foto resa disponibile dal procuratore degli Stati Uniti del distreto meridionale di New York EPA/US ATTORNEY SDNY / HANDOUT

Epstein, di origine newyorkese, è noto per i suoi legami con personaggi di spicco, personalità politiche e celebrità come il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l’ex presidente Bill Clinton.

Prima di diventare ricco, Epstein era un insegnante di matematica e fisica in una scuola privata a Manhattan. È entrato nel mondo finanziario alla fine degli anni ’70, lavorando come trader per la banca d’investimento Bear Stearns. Nel 1980 era già diventato un ‘limited partner’.

Due anni dopo creò la sua società di gestione finanziaria, J.Epstein & Co., e stando a quanto riferito gestiva le risorse di clienti che valevano più di 1 miliardo di dollari. Si stima che Epstein valga centinaia di milioni di dollari.

Nel 1996, Epstein ha cambiato il nome della sua azienda in The Financial Trust Co.; la sua sede nelle Isole Vergini statunitensi era stata scelta per scopi principalmente fiscali, secondo articoli di stampa. Eppure, secondo due articoli in particolare – una storia del 2002 del New York Magazine e un pezzo del 2003 di Vanity Fair – un velo di mistero e ammirazione aleggiava su Epstein.

Nel profilo del New York Magazine, Epstein è descritto come una persona i cui successi (e fallimenti) non venivano a conoscenza del pubblico. “Epstein rompe gli schemi”, si legge sulla rivista. “Quasi tutti in giro ne hanno sentito parlare, ma nessuno sembra sapere di cosa si stia occupando. Cosa che a lui piace parecchio”.

Suo grande fan era Donald Trump, secondo il profilo. “Conosco Jeff da 15 anni. Un tipo fantastico. È molto divertente stare con lui. Si dice persino che gli piacciano le belle donne tanto quanto me, e molte di loro sono abbastanza giovani. Non c’è dubbio: Jeffrey si gode la sua vita sociale”, è la dichiarazione di Trump riportata dalla rivista.

Nel pezzo di Vanity Fair, ‘Il talento di Mr. Epstein’, un riferimento al libro e al film ‘Il talento di Mr. Ripley’, si cita il ruolo di Epstein come principale investitore e amministratore del denaro del magnate della vendita al dettaglio Leslie Wexner, il fondatore della Limited Brands, ora denominata L Brands Inc. La società possiede prodotti di marca principalmente dedicati alle donne, tra cui Victoria’s Secret e Bath & Body Works.

La rivista ha anche descritto Epstein come “un uomo che ama le donne – parecchie donne, soprattutto giovani. Molte modelle hanno detto di essere piene di gratitudine per Epstein per averle fatte volare in giro per il mondo, ed è un volto familiare a molte delle ragazze di Victoria’s Secret”, secondo l’articolo.

Vanity Fair ha anche detto che la manciata di amici che conoscevano Epstein dai primi anni ’80 si ricordava di come lui raccontasse di essere un ‘cacciatore di taglie’, che si occupava di recuperare denaro perso o rubato per conto del governo o per i suoi ricchi clienti. Aveva anche il porto d’armi. Ha preso parte a diverse commissioni tra cui il Council on Foreign Relations, l’Accademia delle scienze di New York e l’Institute of International Education.

Nel pezzo di Vanity Fair si legge che Epstein è stato immensamente influente, mentre altri lo hanno descritto come sia generoso che cattivo, e persino ‘senza scrupoli’.

Vicky Ward, la giornalista che ha scritto la storia di Vanity Fair, ha raccontato a MSNBC di come due giovani sorelle le avessero riferito che una di loro, quando era minorenne, era stata violentata da Epstein. Ward ha detto che Epstein si è messo in contatto con l’editore della rivista e ha fatto rimuovere il racconto dall’articolo, nel quale è rimasto solo il resoconto sui suoi misteriosi affari.

“Questo è stato il tema ricorrente degli ultimi 16 anni di Jeffrey Epstein”, ha detto Ward alla Nbc. “Un intoccabile che ha ricevuto un lasciapassare illimitato da persone molto ricche e molto potenti con cui ha sempre socializzato e sulle quali, forse, ha sempre avuto una certa influenza”.

Nel 2003, Epstein ha fatto notizia per aver donato 30 mln di dollari alla Harvard University per creare programmi di biologia matematica e di dinamica evolutiva presso l’istituto della Ivy League.

Lunedì Epstein si è dichiarato non colpevole. Le nuove accuse penali federali sono simili a quelle risalenti a oltre un decennio fa, in Florida, che lo indicanavano colpevole di essere un predatore sessuale. In quell’occasione si è dichiarato colpevole di due accuse in un procedimento penale supervisionato da Alexander Acosta, che ora è il Secretary of labor del presidente Trump. Epstein fu condannato a 13 mesi dietro le sbarre ed entrò nel registro dei ‘sex offender’.

Ad aprile, un giudice federale ha stabilito che i pubblici ministeri della Florida avevano violato la legge, offrendo a Epstein un patteggiamento segreto senza farlo sapere agli accusatori. La questione è anche oggetto di indagine da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.

FORTUNE Biogen_LupoRaccontaSMA_300x250