Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima new

L’88% delle aziende europee investirà in innovazione

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
innovazione

Innovazione e tecnologia saranno fondamentali per l’imprenditoria, ma senza incidere sulla quantità di forza lavoro. A dirlo sono 760 aziende europee di 16 Paesi, uno spettro di 20 settori industriali diversi, interrogate da Deloitte su innovazione e tecnologie digitali. I risultati? L’88% delle aziende europee prevede di aumentare gli investimenti in innovazione. E il 60% delle imprese italiane non teme la perdita di posti di lavoro.

Anche la maggior parte delle aziende europee ritiene che le tecnologie avanzate non incideranno negativamente sulla forza lavoro in essere. Infatti, il 41% delle imprese prevede un aumento dell’organico a tempo pieno e il 29% ritiene rimarrà invariato. Italia e Regno Unito sono i paesi più ottimisti: oltre al 60% delle realtà italiane anche il 58% delle inglesi immaginano un incremento delle risorse umane impiegate in azienda. Solamente il 23% ipotizza una diminuzione dei dipendenti per mano della tecnologia, pur essendovi pareri fortemente contrastanti in settori quali il bancario e finanziario dove i pareri a favore di un aumento e di una contrazione si bilanciano (42% in entrambi i casi). In campo energetico e assicurativo ci si aspetta il maggior numero di esuberi (rispettivamente 40% e 30%).

L’innovazione in Europa è più viva che mai già ora: il 2017 è stato l’anno record per i nuovi brevetti con 105.635 registrazioni all’Ufficio Brevetti Europeo. Deloitte evidenzia che la “cifra record dei brevetti del 2017 rappresenta il doppio rispetto a dieci anni fa”. L’Europa è ancora un centro di innovazione per sette su dieci categorie principali individuate nelle registrazioni di nuovi brevetti. Cede però il passo a Stati Uniti e Asia nella corsa all’innovazione in ambiti chiave quali la tecnologia informatica e la comunicazione digitale. L’Europa sente la competizione nella corsa all’innovazione. Le aziende europee sono quindi chiamate a innovare in modo più efficiente ed economico per soddisfare le crescenti aspettative di clienti e stakeholder. Eppure solo un’impresa su tre sfrutta tutti e dieci i tipi di innovazione: ciò evidenzia lacune nella strategia e indica che le imprese potrebbero lasciarsi sfuggire importanti opportunità.

SAS ARTICOLO
SAS
anima news 2
Galapagos Rubrica
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
anima news 2
dhl

I più letti