26 Settembre 2019

Irena, La Camera all’Onu: rinnovabili fondamentali per il clima

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Riconosciuta come la principale giornata dedicata al clima dai tempi di Parigi 2015, il Climate summit dell’Onu ha rappresentato l’occasione di presentare iniziative concrete per mantenere il pianeta sotto la soglia cruciale del grado e mezzo di riscaldamento climatico. Tra gli attori che questa occasione l’hanno sfruttata c’è Irena, l’Agenzia internazionale per le rinnovabili che al summit ha portato l’esperienza di chi ha come mission proprio lo sviluppo dell’energia pulita.

Il direttore generale di Irena Francesco La Camera si è unito ai capi di stato e ai leader delle imprese e della società civile nel rafforzare una risposta unificata e immediata all’emergenza climatica. In un discorso ai delegati, La Camera ha ribadito il sostegno dell’Agenzia alle nazioni più vulnerabili del mondo, compresi gli stati in via di sviluppo delle piccole isole (SIDS, small island developing states) e ha ricordato ai partecipanti che è possibile limitare il riscaldamento investendo nella transizione energetica.

“Il messaggio che porta Irena è molto semplice e diretto. Crediamo fermamente che il cambiamento sia possibile. È possibile per la nostra generazione rispondere alla richiesta di servizi energetici di base da parte di centinaia di milioni di persone. È possibile garantire giustizia per i SIDS che, insieme ai paesi meno sviluppati, sono i più minacciati, nonostante non abbiano contribuito al cambiamento climatico”, ha affermato La Camera. Ma per raggiungere questi obbiettivi serve energia, e “le energie rinnovabili sono l’unico modo con cui si può andare incontro alla domanda in aumento di energia con la contemporanea riduzione di emissioni di cui abbiamo bisogno”. Irena “sostiene i SIDS in questo sforzo”, ha continuato “anche attraverso l’iniziativa SIDS Lighthouses che ha ricevuto una nuova iniezione di sostegno finanziario da Danimarca, Germania, Norvegia e Emirati Arabi Uniti”.

Inoltre, il direttore generale ha presentato la Climate investment platform lanciata di recente. “È possibile mobilitare risorse finanziarie per il cambiamento”, ha detto. “La piattaforma di investimento per il clima lanciata di recente sarà inclusiva, ben articolata, proattiva e agile nel sostenere i SIDS e altri paesi in via di sviluppo ad accedere al capitale necessario. Faciliterà inoltre l’impegno del settore privato per accelerare la transizione energetica e rendere scalabile un futuro economico resiliente a basse emissioni di carbonio per le isole”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.