21 Novembre 2019

Dalle rinnovabili al packaging: le 6 sfide del Forum sostenibilità

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il filo conduttore che unisce i due eventi green di Fortune Italia, quello di Napoli nel 2018 e quello di Roma ora in corso, è naturalmente il tema della sostenibilità. Che anche quest’anno Fortune Italia affronta in sei declinazioni diverse, alle quali si possano trovare soluzioni concrete per la società civile, le aziende, le istituzioni. Declinazioni come quella dell’Economia circolare: “Nel nostro Paese, rispetto all’evento Fortune dello scorso anno, abbiamo peggiorato lievemente qualche prestazione”, ha detto Roberto Morabito di Enea, che coordina proprio il tavolo sull’economia circolare, dopo aver ricoperto il ruolo già nel 2018. “Ma rimaniamo ai primi posti in Europa per tutti i principali indicatori, dall’occupazione al fatturato”.

 

Energie rinnovabili, finanza sostenibile, mobilità e trasporto sostenibile, packaging e consumo sostenibile, rinnovamento patrimonio edilizio: sono gli altri temi affrontati nella prima giornata del Forum Sostenibilità che ha l’obiettivo di realizzare sei documenti che riassumano le proposte di ogni tavolo. I risultati verranno presentati domani, nel secondo giorno del Forum (che si terrà al Maxxi di Roma) prima degli interventi di Francesco La Camera, Direttore generale Irena, Nicola Monti, Amministratore delegato Edison, Sandro De Poli, Presidente Avio Aero, Emanuela Trentin, Amministratore delegato Siram Veolia.

“Ci sono rappresentanti del mondo legale, delle associazioni e dei produttori”, ha detto Roberto Venafro di Edison, coordinatore del tavolo Energie rinnovabili. “Il tema è molto sentito perché alle fonti rinnovabili è assegnato un compito significativo, quello di contribuire alla decarbonizzazione del sistema energetico. Il dibattito è molto animato, con posizioni che convergono su un tema significativo: semplificare i processi autorizzativi oggi ancora farraginosi che non consentono di attuare in tranquillità li investimenti delle imprese. Altro tema è proprio il sostegno alle Pmi per lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Si sta cercando anche di capire le strade future per superare meccanismi come le incentivazioni per arrivare a meccanismi di mercato basati su contratti di lungo termine”.

Massimo Guggia di Bureau Veritas, dal tavolo Rinnovamento patrimonio edilizio, ha raccontato come “stiamo cercando di individuare il driver che porterà alla proposta finale” partendo di fatto dalla “conoscenza”, e dal capire le competenze di ognuno dei partecipanti a “un tavolo molto eterogeneo”. Capire, quindi, dove si può collaborare per sviluppare “elementi di conoscenza di base funzionali al miglioramento della sostenibilità del patrimonio edilizio”. Il tutto con un focus sulla “legge di bilancio” e delle possibilità che apre. Per Alessandro Gargiuli di Cassa Depositi e Prestiti, coordinatore del tavolo Finanza sostenibile, “sono emersi spunti diversi”, grazie alle varie controparti presenti. “Siamo tutti in attesa dell’emissione green annunciata dallo Stato italiano, e quello sarà sicuramente l’esempio più lampante della finanza sostenibile a livello nazionale”.

Giovanni Coppola di Enel X ha invece coordinato i lavori del tavolo Mobilità e trasporto sostenibile. “Si stanno confrontando rappresentanti del mondo industriale e accademico italiano”, ha raccontato, “su quali siano le ricette migliori per coinvolgere gli stakeholder” nella trasformazione in corso nella mobilità. “Stiamo ripartendo da quello che è l’elemento che contraddistingue il trasporto di merci e passeggeri: la domanda. Ad esempio c’è ancora un eccesso di domanda per il trasporto su gomma”. Coordinatore del tavolo packaging e consumo sostenibile è stato invece Riccardo Felicetti (Pastificio Felicetti): “le sfide che dobbiamo affrontare riguardano società – la popolazione che dirige le scelte di consumo – l’industria, che deve riconoscere queste scelte e agire di conseguenza, e la politica, che dovrebbe organizzare attività e normative” che permettano al pubblico di usufruire della sostenibilità.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.