13 Gennaio 2020

La startup delle presentazioni (e dei pitch) vincenti

Carlotta Balena

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Do voce alle idee delle persone attraverso una presentazione efficace”. Così si presenta Maurizio La Cava sul sito della sua società, la MLC Presentation Design Consulting, co-fondata insieme ad Antonio Fortiguerra nel 2015. La startup si occupa di realizzare presentazioni per aziende e clienti, attraverso un metodo specifico che Maurizio La Cava descrive nel suo libro “Lean Presentation Design”. Riuscire a trasmettere un’idea attraverso una presentazione efficace, oppure condensare la portata innovativa di una società in un pitch che colpisca gli investitori non è sempre facile. Ci vuole metodo, ed è esattamente ciò che La Cava – che ricopre anche il ruolo di  Startup Pitch Strategist presso il Polihub, l’incubatore d’impresa del Politecnico di Milano – fa attraverso la sua società e con i suoi corsi di formazione. 

La Cava ha un passato in Accenture e nel marketing internazionale di Ferrero, ma nel 2015 decide di lanciare MLC Presentation Design Consulting: “Siamo partiti in due, realizzavamo presentazioni a ciclo continuo, giorno e notte, ma iniziavano a contattarci clienti  importanti, realtà strutturate con fatturati miliardari ed importanti carichi di lavoro. In due non potevamo più far fronte alle commesse che arrivavano” spiega La Cava, che insieme a Fortiguerra decide di allargare business e team. Da allora hanno avuto come clienti 20 multinazionali e formato oltre di 1.000 professionisti con i corsi tra Usa, Asia e Europa. Il punto di partenza della società è la consulenza, sia per le grandi aziende, sia per singoli manager. Mlc ha sviluppato un software, MLC PowerPoint Add-in, studiato per rendere più veloce la realizzazione delle slide. “Inizialmente ho sviluppato il software per semplificare il lavoro in agenzia, grazie al nostro MLC PowerPoint Add-in siamo stati in grado di vincere importanti gare perché riusciamo a garantire tempi di realizzazione molto più rapidi  del mercato, poi una volta testato su larga scala lo abbiamo messo a disposizione sul nostro sito”.

Il team
Il team

Ma come si costruisce una presentazione di successo? “Ogni presentazione ha la sua audience ed ogni audience deve avere la sua presentazione – spiega La Cava a Fortune Italia – Una presentazione di successo si basa sulla profonda comprensione delle persone e sulla capacità di disegnare un’esperienza che trascenda dalle slide e si focalizzi su una comunicazione efficace. Certo le slide sono importanti ma è un’attenta interazione con il relatore che fa la differenza, le slide sono solo un valido supporto. Quindi, una presentazione di successo presuppone: 1. un relatore influente; 2. Una struttura comunicativa efficace; 3. Delle ottime slide”

La Cava ha dato alle stampe la prima edizione di “Lean Presentation Design” nel 2016, ma nel 2020 uscirà il nuovo “Lean Presentation Design – come creare la presentazione perfetta in un batter d’occhio”. Nel 2018 ha pubblicato “Startup pitch: come presentare un’idea e convincere gli investitori a finanziarla”. La comunicazione con gli investitori è spesso un aspetto che viene sottovalutato nella lista infinita di elementi di cui un imprenditore deve tener conto: “Da startupper avrei sempre voluto qualcuno che mi aiutasse a comunicare con investitori e clienti nella maniera più efficace possibile. Spesso, infatti, da startupper ci si gioca tutto in pochi minuti: puoi essere vincitore in una pitch competition o chiudere una partnership strategica, ma se sbagli, l’idea più brillante di questo mondo passa inosservata. Adesso sono certo di poter dare alle startup quello che io non ho ricevuto e questo mi da grande soddisfazione”.

Il consiglio per un pitch di successo, allora, è il seguente: “Per una startup in fase di fund raising il pitch ideale è una presentazione che genera interesse nell’investitore e porta, eventualmente, alla raccolta di un finanziamento. Un buon investor pitch parte sempre dal binomio problema/soluzione. Introdurre sempre il problema facendone apprezzare l’importanza ed identificando il mercato di riferimento. Mostrare un team multidisciplinare in grado di realizzare il progetto e chiudere con una call to action chiara che mostri investimento richiesto, allocazioni e roadmap di progetto”.

 

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.