A2A 3

Ricostruzione: Mattioli, senza riaperture Paese muore di fame/Video

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Enel 2022

Il costo dello stop all’attività di impresa sta diventando sempre più alto. Servono misure più incisive e in tempi rapidi. Licia Mattioli, vicepresidente di Confindustria e amministratore delegato di Mattioli, azienda leader nel settore orafo, durante un’intervista per il ciclo ‘Ricostruzione’ di Fortune Italia, analizza l’impatto della crisi del Coronavirus sul sistema produttivo e, soprattutto, le priorità da seguire nella ‘fase 2’. Partendo dai dati, pessimi, arriva a delineare le esigenze delle aziende. “Nelle regole per le riaperture ci sono molte cose non chiare, come per i test sierologici e le mascherine”, osserva, avvertendo che “senza riaperture il Paese non muore di Coronavirus ma muore di fame”. Capitolo liquidità. “Le misure per le aziende più piccole funzionano ma il vero tema solo le 43mila aziende più grandi che rappresentano 1,3 mln di posti di lavoro, che sono a rischio e non sono state sbloccate. Se non ci sbrighiamo, rischiamo di perderle e non possiamo permettercelo”.

 

REVERSE

Leggi anche

REVERSE
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.