Advertisement

19 Maggio 2020

Fortune 500: le donne Ceo sono 37, solo il 7,4%

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Di Emma Hinchliffe – Il numero di donne che gestiscono le più grandi società americane ha raggiunto un nuovo massimo: 37 delle aziende del ranking Fortune 500 di quest’anno sono guidate da CEO femminili. La Fortune 500, che classifica le più grandi aziende americane, è stata a lungo vista come un microcosmo delle attività statunitensi in generale. Per questo motivo, il numero di dirigenti donne nell’elenco è attentamente monitorato tra coloro che seguono la il progresso della diversità di genere nelle sale riunioni e nelle C suite di tutto il Paese.

Il conteggio di quest’anno ha battuto sensibilmente le 33 dell’anno scorso, anche quello un nuovo record. Tuttavia, il quadro generale è meno incoraggiante: anche con un record di 37 Ceo donne, le donne gestiscono solo il 7,4% delle 500 aziende in classifica. Per una prospettiva: vent’anni fa, le donne erano due. Solo negli ultimi quattro anni la crescita delle donne in questi ruoli ha accelerato superando le trenta – una tendenza generale al rialzo, sebbene ci siano stati dei cali lungo la strada.

 

Il numero di donne che gestiscono aziende Fortune 500 è influenzato da diversi fattori, tra cui i cambiamenti nella leadership e le aziende che stanno debuttando sulla lista per la prima volta o che mano a mano escono dalla classifica. Quindi, sebbene il numero sempre vacillante non sia una valutazione scientifica dello stato delle donne negli affari americani, fornisce una fotografia utile.

Alcune delle nuove aggiunte di quest’anno sono arrivate nell’elenco dopo aver rilevato le società Fortune 500 da predecessori maschi solo nell’ultimo anno. Carol Tomé, dirigente di lunga data di Home Depot, inizierà la sua corsa come Ceo di UPS il primo giugno. Heyward Donigan, veterana della sanità, è diventata Ceo di Rite Aid nell’agosto 2019, in tempo per far funzionare il business dei farmaci sotto le pressioni della pandemia di coronavirus. Dopo che Gap Inc. ha stracciato un piano per trasformare Old Navy in quella che sarebbe stata una società indipendente da Fortune 500, Sonia Syngal, che era stata scelta per gestire quell’attività, è stata invece promossa per gestire l’intera società. Kristin C. Peck è diventata amministratore delegato della società per la salute animale Zoetis, con un giro d’affari da 6,3 miliardi di dollari, a gennaio. E Jennifer Johnson ha rilevato a febbraio l’azienda di famiglia, il gestore degli investimenti 5,8 miliardi Franklin Resources, da suo fratello.

 

Alcune donne nel gruppo delle 37 sono leader di aziende che hanno fatto irruzione nella Fortune 500 quest’anno per la prima volta (la soglia di entrate per una società per entrare in classifica era $ 5,7 miliardi). Quel gruppo include Barbara R. Smith, CEO di Commercial Metals da(5,8 miliardi di dollari) e Nazzic S. Keene, CEO della società di tecnologie dell’informazione da 6,4 miliardi di dollari Science Science International.

Nei ranghi delle 37 donne che compongono questo elenco, persiste un problema di vecchia data: c’è poca diversità razziale. Solo tre delle 37 sono donne non bianche: Syngal di Gap Inc., Lisa Su, CEO di Advanced Micro Devices, e Joey Wat, CEO di Yum China.

mary barra general motors fortune 500
epa06436935 Al centro, il Ceo di General Motors Mary Barra nel 2018 EPA/TANNEN MAURY

 

Nessuna delle 500 aziende della lista ha una donna nera al timone. Questo è un calo rispetto all’anno scorso, quando Mary Winston, CEO ad interim di Bed, Bath e Beyond, era l’unica donna nera tra questi amministratori delegati; da allora è stata sostituita con un nuovo CEO permanente. Non ci sono nemmeno latine in questi ruoli. Le precedenti donne nere e latine di Fortune 500 includono l’ex CEO di Xerox Ursula Burns e l’ex CEO di PG&E Geisha Williams.

 

Ci sono alcuni nomi familiari mancanti dall’elenco delle leader femminili della Fortune 500 quest’anno. Il CEO di IBM Ginni Rometty si è dimessa in aprile, dopo 8 anni; ora è presidente fino alla fine del 2020. A partire dal 15 giugno, Marillyn Hewson non sarà più CEO di Lockheed Martin; quando ha assunto l’incarico nel 2013, è diventata la prima donna a dirigere il più grande appaltatore della difesa americana. L’amministratore delegato di KeyCorp Beth Mooney ha lasciato il suo ruolo di quasi un decennio a maggio, mentre Melisa Miller è durata solo cinque mesi come amministratore delegato della Alliance Data Systems.

 

Altre modifiche degne di nota nell’ultimo anno includono la leadership di Safra Catz in Oracle; ora è l’unica CEO dell’azienda dopo la morte del suo co-CEO Mark Hurd. Alla AutoNation, la più grande catena di concessionarie del paese, il CEO Cheryl Miller è in congedo per motivi di salute ma è ancora inclusa in questo conteggio. E Judy Marks è l’amministratore delegato di Otis Elevator (13 miliardi di dollari), ma un tecnicismo le impedisce di essere inclusa in questo gruppo. La Otis si è separata da Raytheon Technologies ad aprile, uno sviluppo non considerato per la Fortune 500 di quest’anno, che si basa sull’esercizio fiscale 2019; se Marks è ancora responsabile della nuova società autonoma quando sarà prodotta la classifica l’anno prossimo, verrà aggiunta all’elenco.

Mentre il quadro generale – che le donne gestiscono il 7,4% delle aziende su Fortune 500 – è significativo, ci sono alcune altre micro tendenze degne di nota. Molte di queste donne leader sono concentrate nella parte inferiore della Fortune 500, dove le compagnie sono più piccole. Solo sette donne gestiscono aziende Fortune 100; Mary Barra, CEO del gigante automobilistico General Motors da 137 miliardi di dollari, è quella più in alto. Diverse CEO donne sono concentrate nel commercio al dettaglio, dalla Best Buy di Corie Barry ai Ross Stores di Barbara Rentler alla Williams-Sonoma di Laura Alber, mentre la leadership femminile tra le aziende tecnologiche della Fortune 500 rimane molto rara.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.