Advertisement

26 Maggio 2020

Il mistero della disoccupazione in Cina

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Eamon Barrett – Quando ha pubblicato i dati economici del primo trimestre, ad aprile, Pechino è stata elogiata per non aver mascherato l’impatto negativo che il coronavirus ha avuto sulla sua economia. La crescita del PIL è scesa del 6,8%, sostanzialmente in linea con le stime proposte dagli economisti. Tuttavia, c’era un dato che ha sollevato qualche perplessità: la disoccupazione.

 

Secondo il National Bureau of Statistics della Cina, la disoccupazione di marzo era del 5,9%, non lontano dal 5,2% che aveva registrato a dicembre, prima dell’inizio dell’epidemia di COVID-19. Nei mesi successivi, 460mila aziende hanno dichiarato fallimento. Ufficialmente, la disoccupazione è aumentata a febbraio del 6,2%, per poi diminuire in marzo. Ad aprile, è tornata al 6%.

 

“La cifra è stata incredibilmente stabile”, ha detto l’economista capo di Oxford Economics, Tommy Wu, a marzo, suggerendo che il conteggio ufficiale è probabilmente ‘non così rappresentativo’ della forza lavoro. Ovviamente, i tassi di disoccupazione in tutto il mondo raramente riflettono in modo accurato la situazione, tendendo invece a rimanere indietro rispetto ai cambiamenti. Ma individuare una cifra affidabile su questa importantissima statistica è particolarmente difficile in Cina.

 

 

Il problema della misurazione

 

 

Il tasso di disoccupazione ufficiale della Cina è generalmente stabile, ed è oscillato intorno al 4-5% per decenni. Fino a poco tempo fa, Pechino ha determinato la disoccupazione in base al numero di lavoratori urbani che si sono registrati per i sussidi di disoccupazione presso i governi locali. Nel 2018, il governo centrale ha riformato il sistema nel tentativo di ottenere una contabilità più accurata della sua forza lavoro. La disoccupazione è ora misurata da un’indagine mensile sui residenti urbani, ma il nuovo modello ha ancora i suoi difetti.

 

Innanzitutto, la disoccupazione rurale non è inclusa; la statistica del 5,9% propagandata a marzo è rappresentativa solo delle aree urbane. L’esclusione delle regioni rurali è un’eredità del sistema socialista cinese in cui a tutti i residenti rurali sono stati assegnati terreni di proprietà del governo. Tutti sono stati tecnicamente impiegati dallo stato, quindi, afferma Li Chen, assistente professore di studi cinesi presso l’Università cinese di Hong Kong. “In realtà la situazione rurale è cambiata molto, ma il design istituzionale è rimasto lo stesso”, ha detto Li. “Molti residenti nelle aree rurali sono diventati lavoratori urbani e quindi non stanno più nella loro terra. Ma, ufficialmente, mantengono ancora i loro diritti sui terreni, quindi, per questo motivo, l’impostazione istituzionale non riconosce pienamente la disoccupazione rurale.

 

In secondo luogo, si ritiene che l’attuale metodo calcoli erroneamente la massiccia popolazione di lavoratori migranti in Cina; alcuni esperti sostengono che siano sottostimati, altri sostengono che non vengano proprio contati. I dati sulla disoccupazione in Cina sono intrecciati con il peculiare sistema di registrazione delle famiglie del Paese, o hukou, che divide la popolazione in aree rurali e urbane. Quando un residente rurale si trasferisce in città per trovare lavoro, questi lavoratori migranti in genere mantengono il loro status di residente rurale – o meglio, viene loro negato lo status di residente urbano.

 

Il nuovo sondaggio sulla disoccupazione ha lo scopo di ignorare l’hukou di un lavoratore. Tuttavia, i lavoratori migranti cambiano lavoro frequentemente e spesso lavorano in situazioni non ufficiali, come i venditori ambulanti o gli addetti alle pulizie non registrati, ad esempio. La fluidità della ‘popolazione fluttuante’ cinese di lavoratori migranti rende difficile determinare il loro numero esatto e il loro attuale stato di occupazione.

 

Sportarsi in città

 

Nel 2019 il governo cinese contava 291 milioni di lavoratori migranti, che costituivano circa il 36% della forza lavoro totale. Nel marzo di quest’anno, quel numero è diminuito del 56% a soli 129 milioni, secondo il National Bureau for Statistics, che riporta il numero di lavoratori migranti insieme al dato sulla disoccupazione urbana. Il forte calo dei livelli di lavoratori migranti suggerisce, tra di loro, una disoccupazione dilagante.

 

Una domanda aperta è se i lavoratori migranti senza lavoro siano conteggiati nel tasso di disoccupazione ufficiale di Pechino. Geoffrey Crothall, direttore delle comunicazioni del China Labour Bulletin, difensore dei diritti dei lavoratori, afferma che lo siano, anche se molti altri esperti non sono d’accordo. “Non puoi fare affidamento sui numeri del sondaggio per avere un dato veramente completo, ma l’attuale sistema di sondaggi è una misura migliore rispetto al metodo che usavano prima”, ha detto Crothall, aggiungendo che i dati del sondaggio rappresentano probabilmente circa il 60% del totale forza lavoro, in quanto ignora i lavoratori nelle aree rurali.

 

Di recente, il Global Times, gestito dallo stato cinese, è intervenuto, citando un funzionario anonimo presso il National Bureau of Statistics per confermare che i lavoratori migranti sono inclusi nel sistema di indagine.

 

La gravità delle perdite di posti di lavoro negli Stati Uniti mette più dubbi sulla stabilità della forza lavoro cinese. La disoccupazione statunitense è salita alle stelle durante i primi quattro mesi dell’anno, al suo livello più alto dalla Grande Depressione. I dati di aprile mostrano una disoccupazione negli Stati Uniti al 14,7%, in aumento dal 4,4% a marzo e dal 3,5% a febbraio. Goldman Sachs prevede che la cifra dei senza lavoro raggiungerà il picco del 25%.

 

I governi di tutto il mondo sono preoccupati per la disoccupazione tra i loro cittadini, ma il Partito comunista cinese sembra il più spaventato di tutti. Li Chen afferma che, in quanto unico partito, una parte fondamentale della legittimità del PCC deriva dalla “realizzazione di uno sviluppo economico sostenuto e livelli di disoccupazione accettabili”. La Cina è emersa dal suo periodo di comunismo isolazionista alla fine degli anni ’70. Il PCC ha stabilito due cifre come parametri con cui misurare il successo della politica di riforma e apertura economica: PIL e disoccupazione. C’è una convinzione comune tra gli osservatori cinesi che se la disoccupazione aumenta, aumenteranno anche le manifestazioni contro il governo, minacciando il regno del Partito.

 

Tuttavia, Corthall afferma che non esiste alcuna ovvia correlazione tra disoccupazione e proteste. La maggior parte delle proteste tende ad essere diretta verso specifici reclami che i lavoratori hanno con i datori di lavoro, come salari non pagati o mancati pagamenti di sicurezza sociale. “Se sei solo disoccupato, contro chi protesterai?”, Chiede Corthall. “Se è solo una lamentela generale contro il sistema economico generale, non contribuirà necessariamente a una protesta, contribuirà solo a un malcontento generale contro il sistema economico”.

 

Tuttavia, Pechino è “chiaramente preoccupata” della disoccupazione, aggiunge Corthall. Questa settimana, in vista del raduno annuale del parlamento cinese, il Congresso nazionale del popolo, Pechino ha pubblicato un promemoria per mettere l’occupazione al centro dei controlli delle politiche governative, insieme a misure monetarie e fiscali.

 

Gli economisti scettici nei confronti delle notizie di Pechino fanno affidamento su mezzi alternativi per stimare il numero reale di disoccupati in Cina. Alcuni, come l’Economist Intelligence Unit, usano la crescita del PIL per dedurre uno spostamento relativo dell’occupazione, traducendo i cambiamenti del PIL in crescita o perdita del reddito delle famiglie e deducendo la disoccupazione da questo. Quest’anno, l’EIU stima che la disoccupazione potrebbe raggiungere una media del 10%.

 

Nel 2017, un team di ricercatori ha utilizzato i dati dell’indagine urbana sulla famiglia (UHS) della Cina per stimare la disoccupazione della Cina a circa il doppio del numero ufficiale, con una media del 10,9% tra il 2002 e il 2009. L’UHS è essenzialmente un sondaggio più raffinato di quello della disoccupazione ufficiale e i ricercatori affermano che è simile al Current Population Survey che gli Stati Uniti utilizzano per determinare i dati sul lavoro.

 

Zhuang Bo, capo economista cinese di TS Lombard, ha esaminato i profitti e i cali di produttività segnalati in tutti i settori industriali – produzione, servizi, costruzione – per teorizzare sul numero di lavoratori che dovrebbero essere licenziati in ciascuno di essi. Ha concluso che ci sono fino a 50 milioni di lavoratori migranti disoccupati non contabilizzati nelle cifre della Cina, che potrebbero più che raddoppiare il tasso di disoccupazione ufficiale. Tuttavia, Zhuang non è convinto della sua stessa metodologia, dicendo che “sul numero” reale “dei disoccupati cinesi, nella migliore delle ipotesi, tutto ciò che possiamo fare è formulare un’ipotesi”.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.