Advertisement

7 Luglio 2020

I numeri della corsa a bici e monopattini 

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La micro-mobilità, con la corsa a bici e monopattini, è stata la risposta immediata alle restrizioni e alle paure post Covid-19. La versione completa di questo articolo, a firma di Morena Pivetti, è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto.

 

È la moda del momento. Complice l’estate e il bel tempo, la novità e l’essere diventata di colpo molto “cool”, fa proseliti nelle grandi città italiane, come già a Parigi, Londra, Amsterdam. Spopola tra grandi e piccini, indistintamente, occhieggia dai social delle star. In gergo la chiamano micro-mobilità, o mobilità dolce. Il “new normal”, la nuova normalità dopo l’emergenza sanitaria da Covid-19, viaggia su due ruote. Quelle della bicicletta, tradizionale, elettrica, da corsa e da cross, del monopattino, di proprietà o in sharing, e del segway. E viaggia persino su una sola ruota, quella dell’hoverboard. Scene da boom, da corsa all’oro.  

 

A scatenare questa impennata di utilizzo, questa frenesia di acquisto è stata proprio la pandemia, con i suoi divieti, le sue nuove regole e i suoi traumi più profondi: il distanziamento sociale di un metro imposto su bus, tram e metropolitane, amplificato dalla paura di finire contagiati sconsiglia, per ora, di salire sui mezzi del trasporto pubblico – che non supera il 30% di riempimento rispetto al pre-Covid – mentre la voglia di tornare a muoversi, sentire il vento sul viso spingono a salire in sella e a fare lunghe camminate.  

 

“Fino a quando non si troverà un vaccino, in questa fase intermedia, la micro-mobilità è una soluzione interessante – Carlo Ratti, direttore del Mit Senseable City Lab, ne è convinto – che arriva dalla tecnologia: permette il distanziamento sociale, il non essere troppo vicini gli uni agli altri e usa in modo molto più leggero l’infrastruttura stradale che abbiamo. Le nostre città non possono reggere una situazione in cui ciascuno pensi di andare al lavoro in automobile, collasserebbero”.   

 

La versione completa di questo articolo, a firma di Morena Pivetti, è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.