Advertisement
Cdp Banner Interno

10 Settembre 2020

Ferrovie, orizzonte 2030: tre progetti per il trasporto su ferro

Morena Pivetti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Pierluigi Coppola, professore al Politecnico di Milano, indica tre grandi direttrici per il trasporto su ferro: la Puglia più connessa, la Liguria non più isolata, Milano più vicina a Parigi.

 

“La Puglia più connessa al resto del Paese grazie al completamento della linea ferroviaria ad Alta Velocità Napoli-Bari, la Liguria non più isolata dal Nord Italia e dall’Europa, grazie all’entrata in esercizio del Terzo valico, e la possibilità di raggiungere Parigi da Milano in quattro ore seduti comodamente sul treno Av passando da Torino e Lione”. Quando gli si chiede come immagina l’Italia delle infrastrutture nel 2030, Pierluigi Coppola – professore al Politenico di Milano, incarichi all’estero, esperto della Struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti negli anni del ministro Graziano Delrio e spina nel fianco del suo successore, Danilo Toninelli, per la puntigliosità nell’elaborare le analisi costi-benefici sulle grandi opere – con un certo ottimismo, “una speranza” la definisce, cita la piena realizzazione di queste tre grandi direttrici del trasporto su ferro.

Calabria e Sicilia no, Coppola non pensa che in queste due regioni l’upgrading Av dei collegamenti ferroviari che riempiono di annunci i titoli dei quotidiani sarà completato tra dieci anni: “Per la tratta tra Salerno e Reggio Calabria mancano ancora i progetti – spiega – serviranno gli esecutivi prima di aprire i cantieri. Questione annosa quella della mancanza di progetti attuali, da tempo è uno degli elementi, forse il principale, che frena la messa a terra dei piani di infrastrutturazione del Paese”. Un conto sono gli elenchi di opere che riempiono i documenti ufficiali, un conto è lo stato di avanzamento reale e i progetti sono il primo step. L’altra opera, stavolta al Nord, su cui Coppola si dichiara incerto è il completamento della nuova linea ferroviaria Verona-Monaco attraverso il Valico del Brennero: “Il cantiere tra Fortezza e Ponte Gardena procede, così come anche la sistemazione del nodo di Verona, ma per il resto della linea non credo ce la faremo per il 2030”.

 

La versione completa di questo articolo, a firma di Morena Pivetti, è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre 2020. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.