Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

Il welfare e l’equilibrio tra pubblico e privato

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
welfare

Da qualche anno l’equilibrio del welfare e dei servizi ai lavoratori, e ai cittadini, si è inesorabilmente spostato: le aziende hanno sviluppato sempre di più i loro reparti Risorse umane, dando vita a nuovi benefit, nuove protezioni, nuovi servizi per quelle esigenze personali alle quali lo Stato non sapeva più rispondere.

 

 

 

Se intendiamo i servizi di welfare come una rete di sicurezza del lavoratore, la pandemia è stata un banco di prova senza precedenti: perché si tratta di un’emergenza sanitaria, certo. Ma anche perché ha messo aziende e manager Hr di fronte alla sfida di dover proteggere contemporaneamente sia la salute dei dipendenti, sia la loro produttività. Tra l’altro con nuove forme di lavoro (che si parli di vero smart working o di semplice lavoro a distanza) che non erano mai arrivate ad avere i numeri raggiunti durante la pandemia di Coronavirus.

 

Nell’inserto del numero di novembre di Fortune Italia abbiamo parlato di questo, ma non solo. Abbiamo raccontato le storie di welfare di AXA Italia, Cattolica Assicurazioni, Enel, Eni, Generali Italia, Nexi, Ucb Pharma. Ma abbiamo anche parlato della questione demografica, alla radice del tema welfare, e delle conseguenze, per le aziende, dell’investimento di risorse economiche sulle persone.

 

 

L’inserto dedicato al welfare si può sfogliare online, gratuitamente.

 

Al magazine mensile di Fortune Italia, invece, ci si può abbonare a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe.

 

Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

SAS ARTICOLO
SAS
Finanza Agevolata
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
dhl
anima 2
data factor

I più letti