Advertisement
Cdp Banner Interno

11 Novembre 2020

Carbon capture, il futuro inevitabile dell’industria petrolifera

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il 2020 ha lasciato un segno profondo sull’industria del petrolio, indirizzandola verso un percorso forse più pulito, ma meno redditizio. Il Ccs, o Carbon capture and storage , è già parte integrante di questo cambiamento. La versione completa di questo articolo, a firma di Alessandro Pulcini, è disponibile sul numero di Fortune Italia di novembre 2020.

 

 

“ENI STA CAMBIANDO VOLTO, in modo radicale e irreversibile”. “Andiamo verso le emissioni zero. Non si torna indietro”. “Vogliamo trasformarci per affrontare una doppia sfida: più energia e meno carbonio”. Le parole sono firmate Claudio Descalzi, Bernard Looney e Patrick Pouyanné, ovvero i Ceo di Eni, Bp e Total. Sono state pronunciate tutte nel 2020 e tutte hanno accompagnato una svolta negli obiettivi dei tre giganti dei combustibili fossili, segnando un passaggio netto verso una trasformazione energetica a cui difficilmente qualsiasi grande gruppo petrolifero potrà resistere a lungo. La chiedono i cittadini e gli azionisti, sempre più attenti alle tematiche ambientali. La impone l’emergenza climatica, per la quale l’industria fossile ha una grossa fetta di responsabilità. E a renderla una scelta strategica obbligata è il petrolio stesso, alle prese con la crisi dei prezzi del barile e con le incognite legate alla domanda e alla ripresa post-Covid. La trasformazione in questione è quella che porta alle energie pulite, al declino (almeno in parte) dei combustibili fossili, e all’abbattimento delle emissioni di CO2. O, sempre più frequentemente, alla loro cattura.

 

 

A INIZIO OTTOBRE l’Oil and Gas Authority britannica ha annunciato di aver assegnato a Eni la licenza per la realizzazione, in Gran Bretagna, di un progetto di cattura e stoccaggio di anidride carbonica. Questo tipo di processo è conosciuto con la sigla Ccs, ovvero Carbon capture and storage (o Ccus, con l’aggiunta della parola ‘usage’): la cattura avviene generalmente da processi industriali, ma anche dall’atmosfera. Non è un processo semplicissimo, perché la CO2 non va solo ‘presa’, va anche separata dalle altre emissioni. Ma una volta catturata può essere trasportata attraverso vecchi gasdotti riqualificati e immagazzinata, per esempio ‘iniettandola’ in siti sotterranei all’interno di formazioni rocciose, o in depositi esausti.

 

La versione completa di questo articolo, a firma di Alessandro Pulcini, è disponibile sul numero di Fortune Italia di novembre 2020. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.