WBF

Amazon, Apple e le altre: quanto incassano al minuto le Big Tech

amazon fortune globaò 500
Aboca banner articolo

Oltre ottocentomila dollari di entrate ogni 60 secondi: il registratore di cassa ha particolarmente sorriso ad Amazon nel primo trimestre dell’anno in corso. Uno dei dati che certificano il boom dei giganti del tech, che, con la pandemia che ha ridisegnato la vita dei cittadini nei Paesi più ricchi, hanno fatto segnare dei bilanci record, con un margine ancora elevato per il futuro a medio termine.

CNBC è andata a spulciare tra i trimestrali di altri colossi della tecnologia, tra i produttori di smartphone, pc, tablet, consegne a domicilio, streaming. E non è ovviamente solo Amazon a stappare bottiglie buone.

Per esempio, c’è stato il botto anche di Apple: in cassa della multinazionale di Cupertino sono finiti quasi 700 mila dollari (691 mila) al minuto nel Q1 del 2021.

Secondo i dati di CNBC, Amazon e Apple hanno registrato dati trimestrali record: da gennaio a fine marzo sono stati 108 miliardi per il colosso dell’e-commerce, con il patrimonio personale del patron Jeff Bezos (che quest’anno lascerà il timone a Andy Jassy) schizzato oltre i 200 miliardi di dollari, mentre per Apple sono finiti in cassa quasi 90 miliardi di dollari, con la vendita di iPhone in salita del 65%.

Ma nei primi 130mila minuti, ovvero il Q1 del 2021, è andata di lusso ad altri marchi assai famosi: per Alphabet – la società madre di Google, valore sul mercato 1,6 miliardi di dollari – oltre 426mila dollari ogni 60 secondi, poi Microsoft con 321 mila dollari al minuto, entrate complessive a 41,7 miliardi di dollari e capitalizzazione sul mercato di 1,9 trilioni di dollari.

Ma bilancio assolutamente positivo anche per Facebook, poco oltre i 200mila dollari al minuto, entrate totali nel Q1 del 2021 a quota 26,2 miliardi di entrate totali e un valore sul mercato da 925 miliardi.

Poi Tesla con oltre 80 mila dollari al minuto, fatturato trimestrale da 10,4 miliardi di dollari e valore di mercato da 677 miliardi, con Elon Musk che ha scalzato Bezos nella lista dei paperoni mondiali, anche per il successo dell’auto elettrica Tesla Model 3.

Ultimo della fila, Netflix, con oltre 55 mila dollari accreditati ogni minuto sul conto corrente, 7,2 miliardi di entrate nel trimestre, che ha fatto segnare un calo negli abbonamenti.

La media delle entrate ogni giro di orologio per le aziende della Big Tech è stata di oltre 373 mila dollari. Cifra da far girare la testa, certo, ma che non rappresenta un primato, perché la media nelle entrate per gli stessi colossi nell’ultimo trimestre del 2020 è stato di circa 416 mila dollari al minuto.

Ecco, in dollari, gli incassi dettagliati per minuto registrati dalle Big tech nel primo trimestre, secondo CNBC:

  1. Amazon: 837.330
  2. Apple: 691.234
  3. Alphabet: 426.805
  4. Microsoft: 321.805
  5. Facebook: 201.936
  6. Tesla: 80.162
  7. Netflix: 55.270
12 May 2021, Saxony-Anhalt, Sülzetal: Employees drive electric pallet trucks through the Amazon logistics center. The mail-order retailer opened the new location in Saxony-Anhalt in August 2020. Photo: Klaus-Dietmar Gabbert/dpa-Zentralbild/ZB
CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.