Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
Milteny

Maas, la chiave digitale dei trasporti

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
trasporti maas

La mobilità come servizio, la Maas, è al centro della strategia inserita nel Pnrr. La versione completa di questo articolo, a firma di Morena Pivetti, è disponibile sul numero di Fortune Italia di giugno 2021.

L’ACRONIMO CHE LA DEFINISCE è MaaS, in inglese Mobility as a Service, in italiano la mobilità come servizio. Tra i professori e gli esperti di trasporti, tra le aziende che gestiscono le corse di bus, tram, metro e treni, regionali e Alta velocità, e ancora tra i maghi delle tecnologie software e delle app, è stato ed è l’argomento ‘hot’ degli ultimi tempi quando si parla di mobilità.

Di come rendere più semplici e agevoli, meglio fruibili, ambientalmente sostenibili gli spostamenti che ogni giorno gli italiani compiono per lavoro, studio, tempo libero. In particolare, nelle grandi aree metropolitane dove la multi-modalità, ovvero l’utilizzo di più mezzi di trasporto, su gomma e su ferro, pubblici e privati, biciclette e monopattini inclusi, per raggiungere la destinazione finale, è di casa.

Al grande pubblico, invece, alle prese con i giochi di prestigio quotidiani per portare i figli a scuola e arrivare comunque in orario al lavoro, con i funambolismi per ottimizzare tempi e percorrenze degli spostamenti, è tuttora una sigla sconosciuta ma che in un futuro non troppo lontano diventerà familiare. Come l’e-commerce.

Cosa sono allora i MaaS? Come spiega autorevolmente il ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (Mims) in collaborazione con il ministero dell’Innovazione digitale (Mitd) nella scheda inviata a Bruxelles e allegata al Piano nazionale di ripresa e resilienza alla voce ‘Infrastrutture per una mobilità sostenibile’, “il paradigma dei MaaS consiste nell’integrare diverse modalità di trasporto – per esempio bici elettrica, autobus, car-sharing – attraverso piattaforme di intermediazione che forniscono all’utilizzatore finale una varietà di servizi aggiuntivi, che vanno dalla pianificazione del viaggio alla prenotazione fino al pagamento”.

Poniamo di dover andare dal punto A (il luogo di lavoro) al punto B (il cinema) e poi al punto C (casa): non si dovrà più consultare la singola app per conoscere l’orario di arrivo del bus o della metro, per trovare un taxi, un’auto o una bicicletta in condivisione e pagare per ogni singola corsa, ma basterà collegarsi alla piattaforma MaaS per avere sullo schermo l’intera gamma di offerta, con i diversi tempi di percorrenza, i prezzi, le opzioni di pagamento e, possibilmente, l’acquisto diretto. Con un’espressione cara al turismo, un servizio ‘all inclusive’ e, sempre rubando una seconda similitudine, la piattaforma MaaS come una booking.com dei trasporti.

I primi due Paesi che in Europa hanno sperimentato queste nuove soluzioni digitali per la mobilità nelle grandi aree urbane, che si stanno imponendo anche grazie alla crescita della sharing-mobility (auto, scooter, biciclette, monopattini), sono Finlandia e Germania, dove si è sviluppato un mercato concorrenziale di MaaS.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di giugno 2021. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

Connect The Intelligent
Innova Finance
box amgen

Leggi anche

box amgen
Milteny Banner 1
Milteny Banner 2

I più letti