Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
pfizer

Il confronto tra Elon Musk, Jack Dorsey e Cathie Wood sul Bitcoin

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
bitcoin

Di Rey Mashayekhi – Dopo settimane di attesa, tre dei sostenitori Bitcoin più importanti del mondo tecnologico sono saliti su un palco virtuale, mercoledì, per discutere il potenziale della criptovaluta più famosa di tutte. Il Ceo di Tesla Elon Musk, il Ceo di Square e Twitter Jack Dorsey e il Ceo di ARK Invest Cathie Wood si sono riuniti per ‘The B Word’, una conferenza virtuale co-ospitata dalla società di investimento di Wood e dal gigante fintech di Dorsey, nonché dalla società di investimenti in criptovalute Paradigm.

La conversazione era molto attesa da quando, il mese scorso, Musk e Dorsey su Twitter hanno preannunciato la loro partecipazione all’evento, che mirava a “demistificare le narrazioni tradizionali su Bitcoin” e “spiegare come le istituzioni possono abbracciarlo”.

Nel corso della tavola rotonda, i tre sostenitori di Bitcoin hanno espresso le loro opinioni su tutto, dalle sue prospettive come forma di valuta ampiamente accettata al suo controverso consumo di energia. Ecco alcuni importanti spunti emersi dalla loro conversazione.

SpaceX possiede Bitcoin

Tesla ha fatto scalpore all’inizio di quest’anno rivelando che aveva 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin nel suo bilancio, una grande scommessa che, per il momento, non ha dato i suoi frutti, viste le recenti disavventure del token.

Ma Musk ha notato che la casa automobilistica elettrica non è l’unica azienda a detenere Bitcoin, rivelando che anche SpaceX, la sua società aerospaziale e di comunicazioni satellitari, detiene la criptovaluta. Tuttavia, non ha rivelato quanti Bitcoin ci siano sui libri contabili di SpaceX.

Inoltre, Musk ha rivelato di possedere personalmente Bitcoin, Ethereum e Dogecoin, il memecoin diventato di successo proprio grazie agli assist di Musk. Il prezzo di tutti e tre i token è aumentato subito, dopo le dichiarazioni di Musk, anche se successivamente sono tutti tornati al loro livello.

Il consumo energetico del Bitcoin

Il Bitcoin ha affrontato un ampio controllo ultimamente per le enormi quantità di energia necessarie per estrarre la criptovaluta, il fattore principale nella decisione di Tesla di smettere di accettare Bitcoin come pagamento per i suoi veicoli all’inizio di quest’anno.

Ma Musk ha ribadito che la sua casa automobilistica potrebbe ricominciare ad accettare Bitcoin se i miners che lo estraggono iniziassero a fare più affidamento su fonti di energia più pulite e ha notato “una tendenza positiva” in quella direzione. “Sembra che il Bitcoin si stia spostando molto di più verso le energie rinnovabili”, ha detto, osservando che “un numeroso gruppo di centrali a carbone che venivano utilizzate” per estrarre Bitcoin “è stato chiuso, specialmente in Cina”.

Ha aggiunto che una volta stabilito che la percentuale di utilizzo di energia rinnovabile di Bitcoin diventi “pari o superiore al 50% e che ci sia una tendenza all’aumento di tale numero”, Tesla riprenderà ad accettare Bitcoin.

Wood ha offerto le sue opinioni su come Bitcoin si inserisce nel modello di investimento ambientale, sociale e di governance (ESG), affermando che crede che il Bitcoin “sarà molto più rispettoso dell’ambiente, certamente rispetto alla tradizionale estrazione dell’oro o al tradizionale settore dei servizi finanziari. Per molti versi, lo è già”. Ha anche detto che pensa che Bitcoin abbia molto da offrire negli aspetti ‘sociali’ e ‘governance’ dell’ESG, fornendo alle persone finanziariamente svantaggiate “l’accesso alla tecnologia di pagamento in tutto il mondo, senza ostacoli”, e il secondo offrendo trasparenza, “a differenza dell’opacità dei sistemi finanziari e delle commissioni nel mondo finanziario tradizionale”.

Twitter dovrebbe consentire agli inserzionisti di pagare con le criptovalute?

Discutendo del potenziale dirompente di Bitcoin, Dorsey ha affermato che la criptovaluta potrebbe funzionare come ‘valuta nativa’ di Internet in un modo che aiuterebbe le aziende piccole e grandi a crescere “in un modo molto più veloce”. Ha citato Twitter come esempio, esprimendo la sua convinzione che il gigante dei social media “non avrebbe certamente la dipendenza che abbiamo dal business model dell’advertising se il Bitcoin fosse esistito prima di Twitter”.

Musk ha chiesto direttamente a Dorsey perché Twitter non seguisse già quella strada. “Che ne dici di far pagare agli inserzionisti di Twitter in criptovalute?”, ha suggerito. Per quanto Dorsey abbia affermato di ritenere che “qualsiasi forma di pagamento vogliano utilizzare, dovremmo essere in grado di accettarla”, ha osservato che è “più concentrato su come creare incentivi economici nella rete di Twitter stessa senza dover fare affidamento su pubblicità”.

Ma Musk non si è arreso e ha sottolineato l’importanza di consentire più opzioni attraverso cui le criptovalute possano “essere tradotte in prodotti e servizi reali”. Ha aggiunto che “accettare Bitcoin e forse alcune altre criptovalute per i pagamenti pubblicitari su Twitter sarebbe di supporto” al Bitcoin.

Ha poi insistito e ha chiesto al CEO di Twitter “se lo farà”, per il divertimento degli altri nel panel, tranne Dorsey, che ha scrollato le spalle con un’espressione perplessa.

enel
asso
Microsoft Banner Articolo
Innova Finance
box alfasigma 1

Leggi anche

omron
pfizer
Milteny Banner 1
Milteny Banner 2

I più letti