GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Spotify acquista il colosso degli audiobook

Prima l’ingresso con forza nel mercato dei podcast, ora gli audiolibri. La politica societaria di Spotify mira a rendere l’app svedese di musica in streaming nella piattaforma più potente per il comparto audio. E così dopo un assegno da 235 milioni di dollari per l’app di podcasting Megaphone (produzione di contenuti per Wall Street Journal, Buzzfeed, Vox) qualche giorno fa da Spotify è stata conclusa un’operazione chiave con l’acquisizione di Findaway, un’app globale del segmento audiobook. L’operazione sarà completata entro la fine dell’anno, dopo l’approvazione delle autorità regolatorie, l’avvio della partnership avverrà a inizio 2022.

Il mercato degli audiolibri vola

Per Spotify (381 milioni di utenti attivi mensili nel terzo trimestre dell’anno, +19% rispetto al 2020, fatturato da 2,8 miliardi di dollari) si tratta di un investimento su un settore che corre senza ostacoli. Sempre più utenti preferiscono ascoltare i libri preferiti non solo a casa, con uno speaker o un pc, ma anche per strada, in giro, tramite tablet o smartphone, con gli audiolibri che possono essere scaricati e ascoltati su più device.

La moda degli audiolibri ha fatto presa anche in Italia: +94% delle vendite nel 2020 rispetto all’anno precedente, con un fatturato da 17,5 milioni di euro. Le proiezioni sul 2021, secondo i dati dell’Associazione italiana editori (AIE) fissa l’asticella a quota 31 milioni di euro. Su scala mondiale secondo una ricerca Omdia il valore è stato di quattro miliardi di dollari nel 2020 e di circa 9,3 miliardi di dollari entro il 2026.

Uno sviluppo che ovviamente si è avvantaggiato dalla crescita del digitale e dagli investimenti delle piattaforme distributive, per la gioia di diversi attori della filiera: dalle piattaforme distributive appunto (i giganti del settore sono Audible e Storytel, con cui Spotify ha stretto già una partnership) e dagli store digitali (Google Play, Huawei Books, Apple Books), che acquistano i contenuti dagli editori per poi distribuirli agli utenti, sotto forma di prodotto singolo o in abbonamento, alle piattaforme indipendenti (AudioTeka, Librivivi, LiberLiber, LibriVox) che distribuiscono contenuti non protetti dal copyright. E ridono anche le case editrici, che distribuiscono gli audiolibri sui propri negozi online.

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.